Il web fa perdere la religione

Mister Gadget Team8 Aprile 2014

Non è una chiacchiera da bar ma addirittura uno studio del Mit, la più prestigiosa università di tecnologia del Massachusetts. Secondo i dati raccolti in una ricerca pubblicata proprio in questi giorni, c’è una relazione diretta tra l’aumento del consumo di internet e il crollo di adesione alla religione.

L’indagine rileva che tra il 1990 e il 2010 25 milioni di americani hanno abbandonato la religione o hanno dichiarato di non averne una.

Una delle principali ragioni di adesione alla religione sembra essere l’eredità familiare: è infatti assodato che nelle famiglie con grande attenzione alla regione il crollo è molto contenuto, con solo il 25% dei ragazzi che sono cresciuti in ambiti religiosi che dichiarano di non esserlo.

Elemento rilevante pare essere anche il maggior livello di istruzione, che porta quasi automaticamente ad una posizione più critica nei confronti delle religioni.

ok, ma internet che c’entra?!? La ricerca riesci a fissare un dato importante. Il numero di persone che nel 2010 erano on-line per più di 7 ore al giorno pare esattamente sovrapposto a quello delle persone che dichiarano di aver lasciato la religione. E’ sufficiente per stabilire la relazione?

Probabilmente no, ma sapete come funziona, un titolo di questo genere fa sempre effetto. Come forse colpisce un dato: il Papa su twitter ha 3.8 milioni di followers, Myley Cyrus ne ha 17.7.

Alla fine, credo si possa proprio dire che non c’è più religione.