Huawei P9: Leica o non Leica, è un problema?

Mister Gadget Team28 Aprile 2016
Huawei P9

Huawei P9: Leica o non Leica, è un problema? Me lo chiedo dopo il polverone sollevato in questi giorni sul nuovo smartphone del produttore che non conterrebbe, come promesso, lenti realizzate da Leica, ma pezzi prodotti da Sunny Optics sotto la supervisione dell’azienda tedesca.

L’ottimo Luca Figini, Direttore di Cellulare Magazine, ha scritto un pezzo molto interessante sull’argomento, dopo aver appurato quello che è successo. Forse per qualcuno è necessario fare un passo indietro.

Il 6 aprile, Huawei ha invitato i giornalisti di mezzo mondo a Londra per il lancio del nuovo P9, smartphone per me bellissimo, che è stato lanciato usando come hashtag #OO e concentrando tutto l’evento sul tema della collaborazione con Leica, mitico marchio tedesco del mondo della fotografia.

Non solo: la gran parte della presentazione è stata utilizzata per evidenziare la joint venture e dopo le parti tecniche sono stati invitati sul palco diversi fotografi di fama mondiale che hanno raccontato la loro esperienza con P9. Durante il keynote è intervenuto anche il gran capo di Leica, per sottolineare l’importanza della cooperazione.

C’è di più: sul telefono, nella parte in ceramica accanto alla fotocamera c’è il marchio LEICA SUMMARIT in bella vista.

huawei p9 fotocamera

Insomma, tutto avrebbe fatto pensare a lenti costruite da Leica, mentre nella realtà la società tedesca ha supervisionato l’ingegnerizzazione mentre la produzione è stata poi assegnata a Sunny Optics.

Ma questo è un vero problema? Apple costruisce i suoi telefoni con Foxconn in Cina, ma scrive Designed in California, non è la stessa cosa?

Io trovo sia più interessante approfondire un altro tema, quello dei due sensori, perché durante il famoso evento lancio è stata fatta una descrizione del funzionamento che non ha trovato poi riscontri.

In pratica, è stato detto che un sensore è in bianco e nero, l’altro a colori: vengono scattate due foto in contemporanea e poi miscelate. é stata mostrata anche una slide con la spiegazione del funzionamento.

20160406_154249

Stando a quanto mostrato, sembrava che ci fossero due scatti contemporanei e che incrociando i dati si avessero le informazioni di profondità, oltre che i famosi scatti sovrapposti.

In realtà, coprendo uno dei due obiettivi non succede (apparentemente) nulla, il telefono continua a scattare immagini a colori. Coprendo il secondo, al contrario, non si scatta nulla e le foto vengono nere. Quindi la fotocamera che opera è una sola. Che poi dentro il telefono ci siano due sensori, uno per il colore e uno per il bianco e nero è tema diverso, però è evidente che il funzionamento sia diverso da quello presentato cioè dei due scatti contemporanei.

I due sensori agiscono uno dopo l’altro, molto probabilmente, sommando il risultato finale della foto, anche se sembra che nella versione attuale del software il mix finale non sia ancora realizzato.

Ma tutto questo cambia “il risultato finale”, nell’uso del telefono di tutti i giorni? Se devo essere sincero, no. Huawei P9 è un prodotto ottimo, che scatta foto molto buone. Non c’è negli scatti una superiorità che giustifichi tutta la grancassa fatta per il rapporto con Leica.

Galaxy S7 Edge che di sensore ne ha uno solo e sulla fotocamera del quale non si è fatto  molto rumore, scatta immagini uguali, se non (in alcuni casi) superiori.

Quello che bisogna riconoscere a P9 è che i neri nelle foto notturne sono fenomenali. così come la fedeltà dei colori.

Lo smartphone ha una batteria ottima e materiali eccellenti nella costruzione. Insomma, è fighissimo. Tutto il pasticcio lenti o non lenti rischia di gettare ombre e dubbi su un prodotto che invece è secondo me tra i migliori in assoluto, anche grazie ad un processore potentissimo.

Valeva davvero la pena fare tutto ‘sto manicomio?