HTC One X: delusione crescente
News

HTC One X: delusione crescente

Cosa c’è di peggio di un amore che ti delude? Penso poco. E’ quello che si sta consumando con l’HTC One X, che onestamente nel “medio periodo” si sta rivelando abbastanza al di sotto delle aspettative per quanto riguarda diverse prestazioni.

Le dichiarazioni di HTC dei mesi scorsi facevano presagire che l’azienda di Taiwan avesse compreso le lezione del mercato del 2011, quando da un periodo di utili record, si era passati ad un tracollo delle vendita. Desire HD, Incredible, il primo Sensation, un flop dietro l’altro certificato da dati finanziari che peggioravano di mese in mese.

Alla fine del 2011, il board di HTC aveva dichiarato di aver imparato la lezione: i clienti consideravano HTC poco performante per fotocamera e per durata della batteria. La nuova serie X sarebbe stata una rivoluzione da questo punto di vista. O quanto meno avrebbe dovuto esserlo, nelle intenzioni.

Il risultato è purtroppo un po’ diverso. Telefoni un po’ “buggati” con difetti evidenti a cui si è cercato di mettere una pezza con due aggiornamenti software ravvicinati che però lasciano ancora spazio a diverse problematiche: su tutte la durata della batteria. HTC aveva promesso un cambio radicale di strategia e invece molti ancora segnalano di arrivare a fine giornata con fatica. L’azienda ieri ha pubblicato un documento con cui segnala che dopo l’ultimo aggiornamento le prestazioni sono migliorate drasticamente. per la precisione:

  • l’autonomia in chiamata è aumentata del 147%
  • l’autonomia ascoltando musica è aumentata del 105%
  • l’autonomia della lettura video è aumentata del 39%
  • l’autonomia nella navigazione internet è aumentata del 23%

diciamo che i dati incrociati ci fanno capire immediatamente dove sta il problema: lo schermo e la parte radio quando il teleofno è in 3g consumano troppo.

Nei giorni scorsi AnandTech ha pubblicato dei benchmark che vedono l’iPhone 4s primeggiare nelle classifiche di autonomia.

Se pensate che il prodotto di Apple è stato ingegnerizzato da più di un anno, c’è un’altra risposta molto semplice: i tecnici di Apple sono più bravi di quelli di HTC. Oppure la combinazione dei componenti è migliore nel prodotto di Apple, perché uno schermo di 4.7 pollici è una bella cosa, ma poi va alimentato. Di certo, il problema della batteria è evidente, nel momento in cui il nuovo Samsung Galaxy SIII con uno schermo di dimensioni molto simili ha una batteria da 2100 mAh contro quella da 1800 mAh dell’HTC One X.

Aggiungo anche la sincronizzazione imperfetta dei contatti (numeri che sono effettivamente in rubrica che appaiono come sconosciuti nella lista delle chiamate) e soprattutto il cattivo funzionamento della parte radio. Avrete visto che HTC ha risposto ai miei tweet sul tema, sottolineando che non ci sono segnalazioni in merito, ma sul sito di telefonino e soprattutto su XDA ci sono tantissimi interventi di chi ha riscontrato problemi nel passaggio da 3G a 2G e successivo ritorno quando di mezzo c’è il roaming con altro operatore. Traduco: se avete H3G e il telefono passa a tim, è facile che perda la connessione e non la ritrovi più. Capita con 3 e TIM in Italia, capita con 3 ed Orange in Uk. Segnalazioni arrivano anche da Austria e Danimarca, dove 3 opera, ma solo sulla rete UMTS.

E’ evidente che sia un problema con 3, ma dato che il problema non sussiste con altri telefoni, c’è qualcosa che non va nel software di HTC One X. cosa sia non è dato sapere.

Alla domanda:  ri-compreresti l’HTC One X al prezzo sonante di 699 euro (tutti buoni e senza bug)?!? No. In tutta franchezza no. L’estetica è meravigliosa, potenzialmente il software è stupendo, ma solo potenzialmente. Il bug del cambio rete per me è mortale, ingiustificato e ingiustificabile.

Al momento, l’aggiornamento non ha risolto, vediamo cosa succede nel prossimo futuro.

 

 

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.