Gli operatori: i furbetti dell'APN
News

Gli operatori: i furbetti dell’APN

Ieri sono incappato in uno di quei classici incidenti che ti fanno fumare i maroni ad altissimo livello. Ho un contratto tim con cui ho attivato una promozione che si chiama INTERNET LARGE: costa 20 euro ogni mese e permette di connettersi (dicono loro) al telefono da computer e di sfruttare un traffico di 5 GB.

Da qualche giorno notavo che la navigazione era molto lenta e ho controllato come fossi collegato: anzichè essere connesso all’apn ibox.tim.it il mio telefono tornava continuamente su wap.tim.it che (casualmente) non è coperto dalla promozione di 20 euro.

In compenso, avevo attiva una promozione mai chiesta “wap day flat” o “flat day wap” che appena ti connetti ad internet la mattina ti addebita 3 euro e ti dà 300 mega di navigazione.

Ieri controllando casualmente il mio conto mi sono accorto che con questo giochino ho un addebito di 100 euro sull’ultima bolletta e solo perché non uso quel telefono tutti i giorni. Al tentativo di andare manualmente sull’APN giusto, il telefono tornava sempre e comunque su wap.tim.it

Ho telefonato chiedendo spiegazioni: il gentile operatore 342 del 119 mi ha risposto che quando uno non capisce lo cose, poi ci sono gli addebiti di questo tipo e che bisogna informarsi prima di usare il telefono. Gli ho spiegato che non sono (o non dovrei essere un novellino) e a quel punto mi ha detto che se volevo fare polemica potevamo anche farci gli auguri di Natale e mettere giù. Tanto per lui era la stessa cosa. Cioè, capiamoci: tu con un “trucco” perfettamente legale mi stai indebitamente chiedendo soldi e quando io ti chiedo di spiegarmi perché sei pure arrogante. Nel weekend so cosa fare, un bel cambio di operatore.

Nel frattempo, però, vi spiego cosa succede, perché l’ho scoperto da solo: TIM con i settaggi automatici su android dentro l’apn wap.tim.it alla voce “tipo apn” ha specificato “default” per cui qualunque scelta voi facciate, lui comunque torna alla porta wap.

Per usare l’APN ibox.tim.it per cui tim incassa i vostri 20 euro, dovete accedere all’apn wap e togliere “default” da tipo apn, quindi entrare nell’apn ibox e modificare la voce tipo APN, dove troverete “dun”, in “defautl, supl, dun”

A quel punto, siete a posto. E tanti saluti agli operatori che non sanno di cosa si stia parlando. O che fanno finta di non saperlo. Qualunque sia la verità, è un buon motivo per scegliere qualcun altro.

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.