Fitbit ha pagato Pebble “solo” 23 milioni

Luca Viscardi23 Febbraio 2017
Fitbit ha pagato Pebble "solo" 23 milioni

Dai dati fiscali dell’ultimo trimestre, finalmente scopriamo che Fitbit ha pagato Pebble “solo” 23 milioni e non 40 come sembrava in un primo momento.

Lo scorso anno, quando fu siglato l’accordo, nessuno rivelò le cifre coinvolte, né chi comprava, né chi vendeva: alcune fonti di stampa avevano calcolato in 40 milioni la cifra sborsata e tutti gli altri si sono accodati prendendo la cifra per buona.

Va ricordato, tra l’altro, che dopo la cessione Pebble ha chiuso e Fitbit ha protetto solo il 40% dei dipendenti, in linea di principio solo quelli che si occupavano di software, mentre quelli che si occupavano di hardware o servizi di natura diversa sono stati salutati.

Nel corso degli anni, la società che ha chiuso i battenti aveva raccolto circa 23 milioni di dollari di finanziamento, in alcuni casi scegliendo la strada di Kickstarter, dove ha siglato anche il record assoluto per la raccolta di un singolo prodotto.

Pare che però i soldi raccolti, a cui si aggiungono i 26 milioni offerti da altri investitori, non fossero sufficienti per far funzionare il business e ripagare i debiti, soprattutto quando le banche hanno chiesto di rientrare dal debito.

Dai dati trimestrali si evince anche che la stessa Fitbit ha speso 15 milioni per acquistare Vector Watch: comparando le due aziende, verrebbe da dire che Pebble è costata pochissimo o forse Vector è costato tantissimo.

Dobbiamo capire quale delle due opzioni sia più attendibile.


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover