Facebook e le interazioni: dati preoccupanti

Mister Gadget Team4 Novembre 2015
facebook

Il Wall Street Journal pubblica oggi analisi molto interessanti relativi a Facebook e al rapporto con i suoi utenti, in attesa dei dati trimestrali che sono in arrivo tra poche ore, subito dopo la chiusura dei mercati di oggi.

Sappiamo già che alcuni numeri sono impressionati: 1 miliardo di utenti attivi, circa 4 miliardi di visualizzazioni di video giornaliere. Le pubblicità sui video e i nuovi formati di advertising su Instagram dovrebbero portare i guadagni a circa 4.37 miliardi di dollari, secondo le previsioni degli analisti.

A prima vista, quella della grande F sembra un’isola felice, dato che ci sono segnali confortanti anche sul lato pubblicitario: le inserzioni rendono molto, se è vero che il cosiddetto “click-through” è cresciuto del 69%, dallo 0.56 allo 0.96 per cento. Ogni cento utenti che vedono una pubblicità, poco meno di un utente clicca e approfondisce.

Gl investimenti dei clienti crescono, del 16% rispetto al trimestre precedente, ma gli investitori sono preoccupati dall’aumento delle spese, che è stato addirittura dell’82% nel corso dell’ultimo anno.

Ma quali sono i numeri preoccupanti?!? Secondo il WSJ, l’interazione degli utenti è in crollo verticale: nell’ultimo trimestre solo il 34% degli utenti ha pubblicato qualcosa, modificando il proprio stato, la percentuale sale al 37% se si contano quelli che hanno postato genericamente qualcosa.

La preoccupazione viene dal fatto che solo un anno fa, le percentuali erano del 50% per la pubblicazione di uno stato e del 59% per un’interazione generica, come commenti o mi piace.

Ovviamente, un numero elevato di iscritti che non interagiscono fa crollare drasticamente le previsioni di guadagno nel medio termine.

Solo una flessione momentanea o un cambio radicale di approccio degli utenti? Lo dirà il tempo, ma il segnale è preoccupante.

E voi? Come usate Facebook rispetto ad un anno fa?

[poll id=”10″]


Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover