Il display del prossimo Galaxy occuperà il 98% della superficie totale

Luca Viscardi26 Aprile 2017
Il display del prossimo Galaxy occuperà il 98% della superficie totale

Non è ancora arrivato ufficialmente sul mercato il nuovo Samsung Galaxy S8, ma noi già cominciamo a parlare del prossimo modello.

Siamo fatti così, alla fine non riusciamo mai a goderci niente di quello che compriamo perché siamo sempre proiettati su quello che sarà, dicono sia il modo migliore per essere infelici.

Ma andando oltre le considerazioni filosofiche, è bene attenersi al tema tecnologico: il nuovo display di Galaxy S8 ha impressionato tutti per la qualità dei colori e la luminosità, ma soprattutto perché occupa una superficie impressionante, l’83.6% del totale, un risultato che pochi altri smartphone riescono a pareggiare.

Sembra però che i piccoli coreani di Samsung non si accontentino mai e stiano già lavorando ad una nuova versione, quella del 2018, che porterà quella cifra a vette inimmaginabili, addirittura il 98% della superficie.

E’ ufficiale. Le cornici sono morte.

Questo dato è addirittura migliore di quello dello Xiaomi Mi Mix, che invece raggiunge il 93% di superficie occupata dallo schermo, mentre gli altri sono lontani anni luce. Per fare un esempio: Nubia Z11 che ha un display con cornici quasi assenti, ha una percentuale del 74% nel rapporto tra schermo e superficie totale.

Pare che anche LG stia lavorando ad una soluzione molto “azzardata” con il suo V30, che introdurrebbe anche lo schermo curvo, con l’aggiunta di una copertura della superficie estrema, ma comunque un progetto ben lontano da quel famigerato 98% a cui starebbe pensando Samsung.

Ma non è facilissimo riuscire a mettere in pratica un progetto di questa portata, soprattutto perché con il processo di laminazione, cioè di “fusione” dei diversi strati dello schermo, così come lo conosciamo oggi, ci sarebbero dei punti ciechi, zone cioè in cui il display non sarebbe sensibile al tocco per limiti tecnici.

La laminazione è uno dei limiti più grandi da superare, potrebbe essere il limite per cui Apple potrebbe presentare un iPhone con schermo piatto, abbandonando il progetto di introdurne invece uno con le curve laterali. Pare infatti che i primi esperimenti di produzione abbiano dato risultati contrastanti e che questo avrebbe creato qualche apprensione nei responsabili di produzione dell’azienda Californiana.

Come può pensare Samsung di aggirare quell’0stacolo? Forse lo schermo flessibile può essere un aiuto in quella direzione. Rumors ci dicevano che vedremo uno smartphone con schermo flessibile e con marchio coreano entro il terzo trimestre 2017, ma non si sa se il progetto prenderà corpo per una questione di costi e di marginalità.

Io consiglierei di godersi i display di Galaxy S8 e magari anche quello di LG G6 che sono due soluzioni già bellissime, per quello che verrà possiamo pazientare un po’.

 


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover