Come fa Apple Watch ad individuare il Coronavirus?
News Prodotti Smartwatch Tecnologia da indossare

Come fa Apple Watch ad individuare il Coronavirus?

Dovremmo usare il condizionale, ma per una manifestazione di fiducia ci chiediamo come fa Apple Watch ad individuare il coronavirus, come se questo fosse già possibile.

Oggi ne parliamo anche nella puntata del podcast che abbiamo pubblicato, perché la notizia sta facendo il giro del mondo: sono infatti numerose le istituzioni accademiche, tra cui quella di Stanford, secondo cui i dispositivi per la tecnologia indossavi potrebbero avere un ruolo straordinario nella battaglia contro il coronavirus.

A quanto pare, non è la solita sparata ad effetto per costruire un titolo sul web che vi induca a fare il clic, ma il risultato di moltissime ricerche fatte negli ultimi mesi, che avrebbero stabilito come questo tipo di oggetti potrebbe aiutarci a comprendere non solo l’attuale pandemia, ma anche eventuali altre malattie trasmissibili.

come fa apple watch coronavirus

Mondo quanto è stato pubblicato in queste ore, i dispositivi indossavi in grado di misurare con precisione il battito cardiaco, potrebbero rilevare delle sottili variazioni che intervengono nel momento in cui un’infezione si presenta nel corpo umano.

Come fa Apple Watch a “vedere” il Coronavirus?

Un dettaglio, in particolare, che è la variazione nel tempo che intercorre tra un battito e l’altro, un parametro che indicherebbe il funzionamento corretto del nostro sistema immunitario e potrebbe evidenziare l’arrivo di un’infezione ancor prima che i test molecolari la possano rilevare.

Nel corso degli studi fatti nelle ultime settimane è stato confermato ciò che già si sapeva ovvero che la variazione del tempo che intercorre tra un battito e l’altro, chiamata variabilità della frequenza cardiaca, è uno degli indicatori dello stato infiammatorio e poiché il coronavirus ha un forte approccio infiammatorio, sfruttare dispositivi di questo tipo sarebbe quasi semplice.

Per entrare in alcuni particolari, è stato rilevato che coloro che sono soggetti ad un’infiammazione hanno una variabilità più ridotta, mentre coloro che hanno un sistema nervoso in perfette condizioni e quindi un fisico reattivo allo stress hanno invece una maggiore variabilità.

Questo studio è stato condotto senza l’intervento diretto di Apple, non c’è quindi il condizionamento dell’azienda nei risultati che sono presentati, anche perché lo studio fatto su oltre 300 operatori sanitari a coinvolto l’utilizzo anche di prodotti di Garmin e di Fitbit, offrendo dei dati molto confortanti.

Il nostro cuore offre molte informazioni

Uno dei dettagli più evidenti è il cambiamento della frequenza cardiaca minima a riposo per coloro che sono soggetti ad un’infiammazione, dato che cresce notevolmente rispetto alle persone che sono in salute.

Se i dati raccolti fossero confermati da ulteriori approfondimenti, si potrebbe arrivare addirittura ad identificare una malattia come il coronavirus attraverso i dati trasmessi dal nostro cuore quasi una settimana prima della manifestazione dei sintomi.

Se questa dinamica con cui scopriamo come fa Apple Watch ad individuare il coronavirus fosse confermata, siamo pronti a scommettere che presto vedremo anche un bonus smartwatch all’orizzonte.

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.