chiamami ancora sanremo

Mister Gadget Team20 Febbraio 2011

é finita così l’edizione 2011 di Sanremo. Quello che vi avevo segnalato come possibile, se non probabile vincitore è stato incoronato re del sessantunesimo festival.

Ancora ieri leggevo su twitter e facebook le previsioni di chi dava per vincitori i modà, ma purtroppo checco ed emma sono rimasti travolti dalla legge del favorito. Quello che viene dato per vincente tre mesi prima del festival, poi non vince mai. Diciamo che è un modo molto sofisticato “per tirargliela”.

Lo indichi come vincitore e quando arriva il festival l’idea è così logora che spunta sempre qualcun altro e si prende la vittoria! Per un attimo ieri ho avuto il sano terrore che potesse vincere Al Bano con una canzone vecchia, fuori dal tempo, anacronistica, che con un testo sociale cercava di colpire la sensibilità (soprattutto dei vecchi) per far dimenticare la pochezza musicale. Al festival i più furbi (e chi ha una carriera quarantennale non può che essere sgamato) fanno arrangiamenti orchestrali da spavento, un trionfo di trombe e di violini che dà “volume” a canzoni solitamente mediocri. L’ha fatto anche il Carrisi nazionale, ma fortunatamente non votano solo ultra-cinquantenni.

Passata la paura Al Bano, il voto dell’orchestra per Vecchioni ci ha dato la quasi assoluta certezza che sarebbe stato lui il vincitore di questo festival. tutto sommato, un verdetto giusto. un brano intenso, un testo bellissimo, un riconoscimento per una carriera  lunghissima coronata da alcuni picchi sublimi.

ma non credo che vecchioni sarà il vincitore del “dopo-festival” quello delle radio e delle classifiche. vedremo cosa succederà, ma modà, ferreri e un paio di altri avranno di sicuro vita facile, rispetto al brano più impegnato di vecchioni.

Mettiamo il festival in soffitta, un festival valutato come trionfale, pur avendo perso nelle ultime due serate rispetto a quello della clerici e i toni di entusiasmo espressi dalla stampa per il sanremo di Morandi sono la “prova provata” del peso dei giornalisti nella valutazione di questo evento. Piacere alla sala stampa è importante quanto se non di più dell’essere graditi dal pubblico televisivo.

A me morandi è piaciuto a metà, bravissimo nel scegliere insieme a mazzi i brani in gara, un po’ meno nella conduzione molto imprecisa. Bravissima secondo me Belen, meno la Canalis, che ha confermato quanto già sapevamo. Bellissima, ma poca roba. Sul duo Luca e Paolo devo dire che mi sono sentito un po’ extra-terrestre: non ho compreso i toni trionfali dei più. Se quella che abbiamo visto è grande satira, abbiamo una qualità molto ridotta. Mi sono piaciuti, a tratti, ma non li ho trovati irresistibili. Anzi… Ma come sempre, il parere è del tutto personale ed è bello vedere quanto diverse possano essere le opinioni.

Tutto sommato, attivare la discussione è l’obiettivo dell’organizzazione, non saremo mai tutti concordi, perchè sanremo è sanremo e tutto sommato saremmo spiazzati se non potessimo parlarne male!!!