Boston: la tecnologia di Google in aiuto

Mister Gadget Team16 Aprile 2013

MI ha colpito la velocità con cui google ha reagito ieri agli eventi di Boston, di cui tutti probabilmente sappiamo. Una delle esigenze principali in situazioni come l’attentato di ieri è avere informazioni sulle persone che conosciamo che sono coinvolte in un evento di questo genere.

Quando in particolare ci sono eventi che coinvolgono migliaia di persone da tutto il mondo, non è facile avere subito una rassicurazione sulle condizioni di tutto.

E qui arriva la tecnologia. Erano passate forse due ore dal momento in cui è apparsa questa piattaforma sul web per cercare informazioni oppure per dare informazioni su persone coinvolte.

foto-2

 

 

La prima scelta era quella del bivio sulla ricerca o sull’offerta di informazioni. Quindi si passava allo step successivo che nel caso della ricerca dava possibilità di inserire informazioni sulla persone di cui si cercavano notizie.

 

foto

 

In caso di risultato negativo, cioè nel caso in cui non ci fossero risultati della ricerca, ecco lo schema successivo, quello per inserire informazioni sul soggetto ricercato.

foto-1Nel caso di informazioni da dare, veniva proposta una schermata simile con nome e cognome da inserire e poi un passaggio successivo da compilare come quello qui sopra. Alle 8 del mattino, a circa 12 ore dall’esplosione, sono circa 5000 i profili compilati delle persone di cui si cercano informazioni.

Si spera sempre di non averne bisogno per situazioni come queste, ma la tecnologia è davvero benvenuta per questo tipo di utilizzo.