Blackberry vs iPhone: non scherziamo!
News

Blackberry vs iPhone: non scherziamo!

Ieri ho letto la notizia di una grande azienda che avrebbe scelto di abbandonare blackberry per adottare iPhone come strumento di comunicazione aziendale. la notizia, ovviamente, è stata accolta come il segno del declino imminente di blackberry, dato che l’azienda canadese ha sempre basato la propria fortuna sull’uso aziendale dei suoi telefoni.

Mi pare una considerazione avventata, per non dire improvvida. Blackberry (a mio avviso) si può solo fare male da sola se persegue nel peggioramento della qualità dei suoi prodotti, ma non credo che l’iPhone si possa considerare migliore per un uso professionale. Perchè per lavoro si dovrebbero guardare allegati, scrivere mail, avere un uso in mobilità della posta elettronica semplice ed efficace.

in pratica quello che è impossibile fare con iPhone visto che la tastiera “virtuale” è una specie di tortura con cui è difficile scrivere anche solo camminando. Non penso che per lavoro serva la straordinaria superiorità fotografica di iPhone. e nemmeno la miriade di applicazioni, la stragrande maggioranza delle quali è rivolta al cazzeggio.

Certo, con iPhone è più facile sviluppare applicazioni che creino una specie di intranet in mobilità, funzione che di sicuro non è facilissimo implementare con blackberry, il cui browser, anche con OS6 è assolutamente meno “user friendly” di quello di iPhone.

Però devo dire che io uso quotidianamente blackberry per rispondere a centinaia di mail e lo trovo uno strumento indispensabile, con un sistema operativo per alcuni versi superiore a iOs, se penso all’uso professionali. tutta la messaggistica concentrata in un unico luogo, con twitter, mail, facebook, linked in, etc etc tutti insieme è per me fantastica! Il blackberry messenger è incredibilmente efficace e usato con i gruppi è uno strumento micidiale. No, non credo che iPhone sia superiore come strumento di lavoro.

Blackberry invece dovrebbe fare attenzione ad altri dettagli: ho pagato il mio blackberry torch 649 euro. dopo 3 mesi lo slide è “ballerino”, come sui migliori prodotti di fattura cinese. Usarlo da chiuso è quasi fastidioso: se premo sul touch screen, lo slide balla e fa una specie di movimento ondulatorio che spesso mi porta a sbagliare la pressione sullo schermo. Questo è fastidioso.

La mia fidanzata ha il bold 9780. un impatto plasticoso da telefono di seconda categoria. costo: 499 euro.

tutto sommato, questo è il vero aspetto di blackberry che ha generato in me una delusione abbastanza cocente. spero in una inversione di tendenza. ma per ora, non rinuncio alla tastiera del blackberry.

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.