Blackberry Bold 9900: che sorpresa!
News

Blackberry Bold 9900: che sorpresa!

questo oggetto è una sopresa pazzesca. sono sincero, non mi aspettavo mi colpisse in questo modo per due aspetti: qualità di costruzione e piacevolezza nell’uso. questo è il blackberry bold 9900, il primo prodotto di rim con il sistema operativo 7.0, una specie di ritorno al passato con una dimensione superiore a quella degli ultimi prodotti, una specie di ritorno al 9700. però lo spessore è quasi dimezzato, il che fa una differenza notevole.

i tasti sono grandi e spaziati, la stessa tastiera a cui eravamo abituati con i primi bold, che prendevano il loro nome proprio dalla dimensione generosa. si nota in questa foto una delle novità: intorno al pad ottico c’è una ghiera luminosa che ha un’impatto estetico stupendo soprattutto quando l’illuminazione è più visibile.

la novità più rilevante del telefono, a parte il sistema operativo 7.0 è la presenza del touch screen in abbinamento alla tastiera, soluzione mai adottata prima da rim. il touch screen era utilizzato solo nei telefoni torch e touch con tastiera slider o senza tastiera completamente, ma mai era stata adottata la soluzione ibrida come nel 9900.

bisogna dire che la funzionalità è davvero ottima! la combinazione dei due sistemi è a pieno vantaggio dell’utente, con la comodità della tastiera molto grande, migliore di quella del torch.

con il nuovo sistema operativo cambia anche il browser del telefono: finalmente un blackberry con una navigazione decente. rendering delle pagine veloce e pinch to zoom molto veloce.

la cover posteriore è stupenda, per resa grafica e per solidità. all’interno della cover è nascosta l’antenna per il sistema NFC di cui il 9900 è dotato. con l’NFC sarà possibile effettuare pagamenti in mobilità senza l’uso di denaro o carte di credito.

non ho trovato un vecchio blackberry per la comparazione degli spessori, ma da questa foto dovrebbe essere evidente la compattezza dell’ultimo nato di casa rim. Tutto benissimo, si direbbe. Un momento… Non ho finito.

La fotocamera è la nota dolente di questo telefono. Per farla peggiore, dovevamo metterla rotta. non riesco nemmeno a spiegare quanto scarsa sia rispetto a tutti i telefoni concorrenti. E lo dico perché il bold 9900 viene venduto per 649 euro, una cifra semplicemente folle. uno per quel prezzo si aspetta che la fotocamera abbia almeno una resa decente. qualcuno obietta che il blackberry  è un telefono per il business. Sì, certo, infatti in inghilterra risulta essere il telefono preferito dai teenagers per la propensione al messaging.

Peccato per questo aspetto che rovina la percezione di un telefono altrimenti splendido.

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.