Argomento inutile: da mobileme a iCloud
News

Argomento inutile: da mobileme a iCloud

 

In un momento di break dalle fatiche radiofoniche, stavo dando un’occhiata prima alle note di apple sulla conversione da mobileme a iCloud. Più che conversione si tratta di una transizione, che dovrebbe avvenire in autunno, anche se ancora non è stata data notizia della data in cui avverrà la migrazione.

sapevamo già del fatto che è in programma l’abbandono di iWeb il sistema di pubblicazioni siti di apple e insieme a quella anche l’addio a gallery, il servizio che si proponeva come alternativa a flickr e che, tutto sommato, ha fallito l’impresa e per questo (forse anche per questo) viene dismesso.

Mi sorprende, invece, perché non ci avevo fatto caso in un primo momento, che venga abbandonato anche idisk che trovato comunque di una notevole comodità. vero che i nuovi programmi di Osx Lion prevedono la sincronizzazione automatica e il salvato “In the cloud”delle diverse versioni di un file, ma per molti aspetti il servizio era comunque molto comodo. In pratica, si tratta di una specie di hard disc remoto a cui accedere da tutti i propri computer e quindi comodo per avere tutti i propri files sempre a portata di mano.

E’ vero, esiste dropbox che fa questo tipo di cosa, ma non è la stessa cosa, perché non è comunque un servizio totalmente integrato come iDisk.

Oddio, sopravviveremo senza l’iDisk in the cloud, che tutte insieme sembrano bestemmie, ma è curioso come apple non esiti a tagliare i rami secchi senza tanti fronzoli.

Vediamo come funzionerà la transizione da mobile me ad iCloud. La velocità con cui il servizio, introdotto solo qualche anno fa, viene abbandonato e trasformato in un alter ego gratuito mi fa pensare che non fosse un grande successo commerciale. Qualcosa, ogni tanto, la sbaglia anche santo steve.

 

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.