Apple: primo segno meno dopo 13 anni

Mister Gadget Team27 Aprile 2016

Apple: primo segno meno dopo 13 anni dai risultati fiscali del secondo trimestre 2016. Dico secondo trimestre perché l’anno fiscale di Apple comincia il primo ottobre e quindi il periodo da gennaio a marzo rappresenta il ponte verso la metà dell’anno.

Dal punto di vista fiscale, Apple è a metà dell’opera nel 2016 e purtroppo i dati non sono molto positivi, perché per la prima volta c’è un segno meno nei conti dell’azienda, cosa che non capitava dal lontano 2003.

Bisogna tornare a quell’anno per capire un fenomeno straordinario: in quella data il valore complessivo della società era di 5 miliardi di dollari, oggi è di 579 miliardi, numero che ne fa la più ricca del pianeta.

Ma in questo trimestre è arrivato un segnalo chiaro che molti si aspettavano, alcuni anche con termini più netti: iPhone ha venduto 51 milioni di pezzi in tre mesi, dieci milioni in meno rispetto allo stesso periodo di un anno fa.

Il fatturato complessivo di 50.6 miliardi di dollari è in calo del 13% rispetto ad un anno fa e questo è principalmente dovuto al fatto che 2/3 dei guadagni di Apple vengono dall’iPhone.

Con questi numeri che potrebbero sembrare negativi, Apple ha portato a casa un guadagno di 10.5 miliardi di dollari. Per il prossimo trimestre, l’azienda ha previsto un ulteriore calo dei profitti del 13%, con una mossa che ha sorpreso più di un analista.

Io non faccio quel mestiere, non leggo i mercati e prevedo i numeri delle azioni, ma mi pare che i risultati appena annunciati riportino Apple verso una dimensione “sostenibile”, mentre non lo era la crescita folle di qualche tempo fa, fuori da ogni schema gestionale “normale”.

Il problema, come al solito, è che gli investitori, coloro che comprano le azioni, vogliono certezze su quanto guadagneranno domani, non hanno grande interesse rispetto a ciò che un’azienda fa in un determinato momento, vogliono avere garanzie su quanto guadagneranno in futuro, su quanto crescerà il loro investimento.

Quali risposte darà loro Tim Cook con i prossimi prodotti?