Android Wear 2.0: ecco cosa c’è di nuovo

Luca Viscardi9 Febbraio 2017
Android Wear 2.0: ecco cosa c'è di nuovo

Oggi Google ha presentato ufficialmente Android Wear 2.0: ecco cosa c’è di nuovo nel nuovo sistema operativo, che ha l’obiettivo di rivitalizzare gli smartwatch basati sul software di Big G e di competere con le soluzioni che Apple ha implementato nell’Apple Watch.

Il tema più importante è quello delle apps on watch, le applicazioni che si installano direttamente sull’orologio, se è dotato di connettività cellulare, senza passare per il telefono, come accade per il nuovo LG Watch Sport.

L’esperienza non è ancora al top, perché gli sviluppatori sono in ritardo, ma ci arriveremo!

Sono migliorate drasticamente le funzioni di fitness tracking, che si affidano molto alla dotazione tecnica dell’orologio, ma possono comunque contare su un più avanzato di sfide per migliorare il proprio allenamento.

Le watchfaces sono più sofisticate, permettono anche di aggiungere delle “bolle” che mostrano le informazioni che più interessano dell’agenda, piuttosto che gli obiettivi per il fitness o scorciatoie per le applicazioni.

Nel sistema operativo è compreso il Google Assistant, l’assistente virtuale di Google che semplifica la ricerca di informazioni e sfrutta l’intelligenza artificiale, ma che purtroppo al momento non funziona in italiano.

In generale, un sistema operativo più semplice, ma allo stesso tempo più completo, che nelle prossime settimane arriverà a molti degli smartwatch in circolazione.

Negli Stati Uniti, Verizon ha annunciato che distribuirà un proprio modello con Android Wear 2.0 a bordo, ma non mancheranno gli aggiornamenti per tante vecchie conoscenze:

ASUS ZenWatch 2
ASUS ZenWatch 3
Casio Smart Outdoor Watch
Casio PRO TREK Smart
Fossil Q Founder
Fossil Q Marshal
Fossil Q Wander
Huawei Watch
LG G Watch R
LG Watch Urbane
LG Watch Urbane 2nd Edition LTE
Michael Kors Access Smartwatches (Dylan and Bradshaw)
Moto 360 2nd Gen
Moto 360 for Women
Moto 360 Sport
New Balance RunIQ
Nixon Mission
Polar M600
Tag Heuer Connected

Molti di questi modelli non sono nemmeno distribuiti in Italia ma è comunque utile conoscere lo sforzo di Google per la distribuzione della nuova soluzione.

 


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover