Amore, andiamo al Giglio nel weekend?
News

Amore, andiamo al Giglio nel weekend?

Ritorno, anche se con leggero ritardo, sulla notizia dello scorso weekend, secondo cui i traghetti per il giglio hanno registrato il tutto esaurito, cosa del tutto anomala per un fine settimana di gennaio. La foto qui sopra spiega molto bene cosa andassero a fare gli escursionisti sull’isola.

Il tutto mentre 13/15 persone (se non c’erano altri passeggeri non registrati sulla nave) stanno fluttuando senza vita in qualche meandro di quel condominio galleggiante.

Dopo le scene di questo fine settimana, che mi girano nella testa ormai da giorni, pensate non ci sia una spiegazione alla condizione in cui ormai versiamo in questo povero, maltrattato, devastato paese? Vi sorprendete ancora se abbiamo una classe dirigente totalmente incompetente che ci governa?

C’è poco da incazzarsi con quelli che ci comandano, se pensiamo a coloro che li hanno scelti. Quei due lì, che posano sorridenti davanti ad un cimitero galleggiante, saranno andati a votare almeno una volta nella vita. Due che hanno un vuoto così cosmico dentro  il cervello, cosa pensate che possano fare quando devo scegliere chi votare?

In un’occasione pubblica, ho sentito concita de gregorio (che a me non piace, ma è parere del tutto personale) che diceva: “l’italia è migliore di chi la rappresenta”. siamo sicuri?!? quelli che fanno queste foto sono migliori di quelli che fanno le festine con le minorenni o che scambiano prostitute marocchine per nipoti di presidenti? ho i miei dubbi.

Il weekend poi è stato prodigo di immagini esaltanti. Siamo passati dalle code ai traghetti per il giglio alla piazza del duomo gremita di “lumbard”. Non so quale delle due immagini fosse più esaltante.

Ma li vedete?!? Ma voi non provate un po’ di disagio quando pensate che al parlamento siedono i bossi, i reguzzoni, i calderoli? eppure, mi guardo in giro e vedo  che il 60% – s e s s a n t a p e r c e n t o- delle persone che vivono nella mia provincia ha votato quelli lì. E allora, se il 60% non ha nemmeno un po’ di ripugnanza vedendo uno che fino a ieri faceva il ministro fare il dito medio, se le cose che dice calderoli non gli fanno venire il desiderio di vivere in papua nuova guinea, come potrà mai cambiare questo povero martoriato paese?!?

Nella nostra storia abbiamo avuto Lorenzo il Magnifico, adesso abbiamo Umberto Bossi. Ci sorprendiamo per la differenza dei risultati?

E sapete cosa mi fa infervorare di più vedendo il  verde che sventola? che quel modo di fare politica (per me aberrante) ha offuscato l’idea straordinariamente forte che molti in realtà appoggiano: il federalismo. La forma moderna ed efficiente di stato (ricordo che stati uniti e germania sono due repubbliche basate su un sistema federalista) oggi hanno la faccia di borghezio e di speroni. Possibile che qualcuno la possa ritenere credibile?!? Difficile…

Eppure è un sistema efficiente, chi produce più reddito e più tasse gestisce i propri averi, con un mutualità verso le aree più deboli, che però non è assistenzialismo. Come dire: noi aiutiamo anche le zone meno agiate, ma per i servizi base. Poi ogni area cammina con le proprie gambe. Forse in sicilia non ci sarebbero 18 mila dipendenti pubblici con 2.500 dirigenti, più di quanti ne abbiano tutte le regioni del nord messe insieme.

Se il concetto fosse: arrangiati a pagare i tuoi servizi e il debito fosse a carico dell’amministrazione locale (con una legge durissima per chi sperpera), la spesa sanitaria di lazio, calabria, campania sarebbe di altro genere. Ma oggi federalista vuol dire leghista e chiunque viva al sud del po’ quando sente parlare di federalismo pensa al dito medio di Bossi e non vuole sentire ragioni. E la barca affonda.

Ecco perché siamo tutti così appassionati a Schettino e le sue manovre. Perché quella nave rappresenta benissimo il nostro paese, che prende gli scogli, sbanda, nasconde la verità. E poi (sorridendo) fa una foto ricordo. Senza accorgersi che non c’è niente da ridere, perché quello alle spalle è un dramma, non una fiction tv.

Ma chi vuoi che se ne accorga? Siamo una repubblica (af)fondata sul telecomando, andare a sbattere  ormai è inevitabile.

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.