A cosa serve davvero google now?
News

A cosa serve davvero google now?

La domanda del titolo non è retorica, nel senso che non ho una risposta. Chiedo a voi, gentili lettori di aiutarmi a capire qualcosa che a distanza ormai di mesi a me un po’ sfugge.

A cosa serve davvero google now? Ho l’impressione che fuori dagli Stati Uniti o comunque dai paesi dove i servizi di geolocalizzazione sono davvero avanzati, il servizio di google serva solo a raccogliere informazioni su cosa facciamo e poco più.

Wait!!! Un attimo: per chi non usa android, spieghiamo. Google Now è un servizio di google presente in modo trasversale su tutti i prodotti con Android con Jelly Bean a bordo. Nelle intenzioni di google dovrebbe essere una specie di assistente e di collettore di informazioni. Ad esempio: io scrivo che ho un appuntamento a Como ad un certo punto della giornata, ad esempio alle 10 del mattino. Alle 8.30 il telefono mi ricorda che è ora di partire per non arrivare tardi all’appuntamento. Cool! Sì, lo guardi una volta, forse due e poi ciao.

Ci sono poi svariati servizi che però a me non funzionano. mai. Uno è l’allerta sulla propria squadra di calcio. Teoricamente, dovrebbe segnalare i risultati della propria squadra preferita. Ho scelto l’Atalanta, ognuno ha i suoi difetti, ma le poche volte che non vedo la partita o non sono allo stadio, non mi arriva alcuna segnalazione. Perchè?

Altra funzione dovrebbe (condizionale d’obbligo) essere segnalare le informazioni turistiche delle località che si visitano se sono diverse da quella specificata come residenza. a me non dice mai niente da nessuna parte.

Un anno fa, ci è stato detto che più si fosse usato il sistema e più sarebbe diventato efficiente ed utile. Io dopo un anno comincio ad avere qualche perplessità. Ho come l’impressione che serva solo a raccogliere dati su cosa facciamo e dove andiamo, aggirando la nostra diffidenza rispetto all’uso di latitude, altro servizio di google.

E secondo me torna a galla il vecchio argomento, secondo me oggi vera emergenza sociale, quello della difesa della privacy: google con google now raccoglie dati su cosa facciamo, con i suoi dns 8.8.8.8 raccoglie dati sui siti che visitiamo, con la ricerca memorizza le nostre preferenze e le nostre tendenze, con gmail controlla le nostre comunicazioni, grazie ai telefoni android abbina a tutto questo un nome, un numero di telefono e un controllo degli spostamenti.

E noi poi facciamo un dramma sulla privacy quando qualcuno ci chiama a casa per venderci un materasso. cominciamo a pensarci seriamente o facciamo finta di niente?

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.