Smartwatch: la differenza tra bello e utile

Mister Gadget Team2 Ottobre 2014

Oggi abbiamo aperto la giornata con una discussione (di cazzeggio) su twitter dedicata agli smartwatch: torno un attimo sul tema perché mi fa venire l’esaurimento pretendere di completare un argomento nei pochi caratteri di twitter!

Questa mattina mi è stato segnalato che il Pebble è sceso di prezzo. Ho risposto (con lo stile che mi contraddistingue e mi spaventa che qualcuno continui a prendermi sul serio su twitter) che adesso abbiamo un oggetto inutile che costa 50 euro in meno. Prima era inutile e costava 149 dollari, adesso rimane inutile ma ne costa 99.

E da lì ecco la discussione: ma no, non è inutile, è bello, è fantastico, funziona bene e via discorrendo.

Ci terrei a tornare un attimo sul tema e ad allargare la discussione perché secondo me si fa una confuzione pazzesca tra due aspetti: il bello e l’utile.

Che il Moto 360 sia bello, così come il G Watch R di LG non ci sono dubbi, ma gli smartwatch sono veramente utili su vasta scala?!? E sottolineo il “vasta scala”?!? Possono esserlo in alcuni specifici casi, ma giudicarli universalmente utili è una chiara forzatura.

Il telefono è utile, indispensabile; l’auricolare bluetooth è comodo, ma non è per niente indispensabile. Allo stesso modo, gli smartwatch possono essere comodi in alcune situazioni, per chi va in bici, per chi ha lavori particolari in cui le mani sono costantemente impegnate, ma da qui a pensare che possano avere appeal su vasta scala (a questi prezzi) ce ne passa.

Un bene voluttuario che costa più di quanto l’80% delle persone spende per lo smartphone. Si fa prima a scrivere: non compratemi.

Poi nulla toglie che alcuni degli smartwatch in circolazione siano belli e funzionino bene, ma è altro tema. Il punto della mia risposta di questa mattina era: saranno mai un (vero) successo commerciale?!? Alle condizioni attuali, dubito seriamente.

Guardate il polso di amici e parenti: quando trovate uno smartwatch fate un fischio. Non credo si corra il rischio facilmente che accada.


Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover