Google Now su iOS: è più di quanto sembri
iOS

Google Now su iOS: è più di quanto sembri

Se avete un apparato di Appel con bordo iOS da ieri potete aggiornare l’applicazione di ricerca di Google e troverete una sorpresa ovvero Google Now, servizio a cui gli utenti di android sono già abituati e che onestamente nell’uso di tutti i giorni si sta rivelando sempre più funzionale.

Sorrido, se penso che poco più di un mese fa avevo pubblicato un articolo dal titolo: a che cosa serve Google Now?

Con una precisione quasi scientifica, il giorno dopo Google ha attivato una serie di servizi anche in Italia che mi hanno dato una risposta molto chiara.

Google now è un vero assistente quotidiano, che svolge un lavoro molto diverso da quello che svolge Siri, con un’attività di base focalizzata su quello che Google sa fare meglio ovvero la ricerca di informazioni.

Quando sono in viaggio uso sempre più spesso Google now per avere informazioni sulle attività commerciali intorno a me, piuttosto che per avere le ultime informazioni sportive, piuttosto che per usare molte delle funzioni del telefono semplicemente attraverso la voce.

Quasi tutte queste funzioni sono ora disponibili anche per gli utenti di Apple, il che secondo me rappresenta un passaggio molto importante perché Apple ha accettato di avere in casa uno dei suoi più temibili competitors.

Forse, rappresenta un primo cambio di passo rispetto alle più recenti strategie di Apple, che tendevano a far realizzare da Cupertino tutti i servizi offerti dall’ iPhone. Se ben ricordate, non era così all’inizio, quando iPhone rappresentava una sorta di sintesi tra i vari servizi on-line disponibili che venivano resi facili e molto pratici anche dagli utenti su mobile.

Poi è iniziata l’era delle sfide, prima Apple che litiga con Facebook, poi Apple che elimina le mappe di Google dal telefono, con le conseguenze che ben conosciamo. Forse però ora anche a Cupertino si sono resi conto che non è sempre possibile fare tutto da soli, che là fuori nell’infinito mondo della tecnologia c’è magari qualcuno che semplicemente sa fare le cose, o quanto meno alcune specifiche cose, meglio di te. Capita.

L’inserimento di Google now sulla piattaforma iOS potrebbe essere un primo passo di questa nuova direzione, che secondo me sarebbe una dimostrazione di umiltà importante da parte di Apple ma anche un vantaggio nei servizi per tutti gli utenti.

Stiamo costruendo un castello di carte, facendo teorie ardite su qualcosa di molto più semplice? Probabile, lo scopriremo solo con il tempo.

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.