Due settimane con iOS 7
iOS

Due settimane con iOS 7

Sto usando dal giorno della presentazione il nuovo iOS 7, che tante discussione sta generando in rete  e su cui ci sono i soliti partiti contrapposti.

Prima considerazione: questa beta è molto acerba e non va bene su un telefono che viene utilizzato come telefono principale; spesso si scalda all’improvviso, molte applicazioni crashano inesorabilmente e anche alcune funzioni base hanno alti e bassi, tra questi la fotocamera che spesso si blocca.

Sottolineo questa cosa, perché sono stato inondato di messaggi di chi vuole installare il software per poter avere un argomento di conversazione con gli amici, per poi lamentarsi del fatto che non funziona. Se si chiama “beta 1”, una ragione ci deve pur essere… 🙂

Ciò premesso, io vi dirò che a me iOS 7 piace: colma alcune lacune “operative” di iOS 6 e consolida un sistema operativo che è già super performante. Dai, dai, adesso scrivetemi qui sotto che sono un fanboy e tutte le stucchevoli banalità della solita guerra dei mondi, tanto salto a piè pari i commenti quando sono di quel tenore.

Potremmo discutere per una vita su meglio questo, meglio quello, ha copiato di qua, ha plagiato di là. il punto è che io con questo telefono faccio semplicemente tutto quello che mi serve fare.

sento spesso dire che Apple non innova più, ma la domanda (e non riguarda solo Apple, riguarda tutti i produttori) è: cosa dovrebbe fare di più il telefono?!? Perché siamo alle solite, sempre alla ricerca di qualche cosa, senza sapere cosa, ma senza sfruttare davvero ciò che si ha.

Io con il telefono (in questo caso iPhone) guardo dentro casa cosa succede, accendo e spengo il riscaldamento, posso addirittura aprire e chiudere la porta di ingresso piuttosto che accendere e spegnere le luci, faccio la lista della spesa e la inoltro in automatico alla mia compagna, condivido le foto in automatico dopo averle scattate, trovo quello che mi serve quando sono in giro. Ora con la versione “beta” di mavericks ho un’integrazione ancora più stretta tra computer e telefono, non potrei immaginare novità stravolgenti.

Il control center, magari banale, su iOS 7 non c’era ed è molto comodo. Non mi piace tantissimo il nuovo centro notifiche perché non amo molto la divisione in tabs, ma è comunque completo e funzionale.

In alcuni aspetti, penso che la profonda abitudine d’uso di iOS costruita negli anni lascerà un po’ interdetti gli affezionati; spariscono ad esempio la pagina di ricerca, sostituita con uno swipe nella home page, scompaiono alcuni slides che erano ormai dei simboli, ad esempio quando dovete rispondere al telefono. eppure vi dirò che ora che mi ci sono abituato a me sta risultando molto gradevole.

Forse il rischio è quello di “androidizzazione” con menu dei menu dei sottomenù che sono un po’ anomali rispetto alla semplice linearità tipica dei menu di iPhone. La cosa poi che non mi fa impazzire è la complessità di alcune animazioni che rallentano un po’ alcuni passaggi e annullano la abituale sensazioni di super velocità del software. c’è da sperare che le versioni definitive siano allegerite.

In alcuni casi, poi, andranno scelte soluzioni diverse, ad esempio per lo sblocco dello schermo, perché c’è una freccia “misleading” che crea confusione tra lo sblocco schermo e l’apertura del centro di controllo.

MI piace molto la nuova mail e anche alcune nuove funzioni di safari, come la lettura diretta dei link condivisi da twitter, non mi piace molto la visualizzazione delle pagine web aperte, perché spesso porta a sbagliare aprendole anzichè eliminarle.

Insomma, a me (con tutti i limiti della beta) non pare proprio il disastro che molti  hanno dipinto, anche se avrei qualche richiesta:

  • rivoglio il meteo nella barra notifiche!
  • rivoglio i bottoni facebook e twitter nella barra notifiche
  • vorrei uno sblocco più intuitivo, perché finisco sempre nel control center

Comunque, il giudizio è nel complesso positivo. Fuoco alle polveri!!!! 😀

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.