Sono frustrato. Lo dice Bill Gates
Android

Sono frustrato. Lo dice Bill Gates

Ci sono dichiarazioni che a volte riescono a sorprendermi. E per un orrido cinico come me è già una notizia. In alcune occasioni, poi, andiamo ancora meglio, perché le dichiarazioni mi fanno anche sorridere. E dato che di solito ci riesce solo David Letterman, vuol dire che siamo davanti a contenuti di un certo spessore.

O forse, siamo davanti a soggetti da portare via con l’ambulanza. Dopo l’amministratore delegato di Blackberry che dice che tra cinque anni i tablet non esisteranno più (quelli di blackberry, suppongo), adesso arriva Bill Gates a dire che gli utenti Android sono frustrati.

Non me ne ero accorto. Questa mattina sono uscito di casa sereno, ho acceso il mio S4, ho consultato google now per le notizie e il meteo, mi sono letto su flipboard la “condensazione” delle notizie sui miei argomenti preferiti, ho lavorato sulle notizie del programma mentre ero al bar, condividendole nel giro di poco con il mio socio. Ho preso un paio di foto di ieri e le ho inoltrate ad un amico, ho risposto ad alcuni tweet e mi sembrava di essere felice.

Poi ho capito che in realtà la mia vita è un disastro, perché lo dice Bill Gates.  In una recente intervista, ha dichiarato che gli utenti android sono frustrati perché non hanno office sul telefonino, non possono fare le cose che si possono fare con un pc.  Se lo dice lui, c’è da credersi, anche se non ce ne siamo accorti.

E se fosse lui ad aver perso adesione alla realtà? A giudicare dai risultati di windows 8 pare che il più frustrato sia proprio lui insieme all’amico ballmer.

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.