Oppo Find 5 a Las Vegas: ma da noi arriva?
Android

Oppo Find 5 a Las Vegas: ma da noi arriva?

A Las Vegas si sono infiltrati anche i cinesi con l’Oppo Find 5. una bestia da 5 pollici di display, mosso da un quadcore di Qualcomm e con una fotocamera da 13 megapixel, il tutto racchiuso in un case molto slim e onestamente bello.

Le varianti saranno due, 16 e 32 giga da 499 e 569 dollari. Ma il punto è: da noi arriva o no?!? Oppo ha annunciato che ci sarà una prima serie di paesi, tra cui non siamo inclusi e poi una seconda ondata ancora da comunicare. Se ci snobbano pure i cinesi, contiamo davvero più niente. 😀

 

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.