HTC: share mondiale al 3.1%
Android

HTC: share mondiale al 3.1%

Riuscirà HTC a risalire la china? A quanto pare, sarà una strada lunga e faticosa, se è vero quello che dicono gli analisti di Morgan Stanley che hanno fissato nel 3.1% la quota di mercato raggiunta a livello mondiale.

Poco, o quanto meno non  abbastanza per controvertire un periodo terribile in cui la società ha perso anno su anno percentuali di fatturato da capogiro. HTC ha dominato a lungo il mercato degli smartphones, poi si è spenta la luce. La domanda da farsi sarebbe: perchè è successo?  Ma soprattutto altra domanda da porsi è: HTC One è la risposta giusta?

HTC negli USA è salita dal 3.5% al 4.2%, grazie alla vendita del Droid DNA. Troppo presto per sapere quanto inciderà HTC One che è in vendita dai primi giorni di Aprile in UK, in USA e Germania, ma ancora non si vede in altri paesi. Ho fatto un giro questo weekend e ancora non vi è disponibilità nelle grandi catene di elettronica.

Gli abituali venditori on line non hanno disponibilità e nel frattempo il Galaxy S4 sta invadendo il mondo.  HTC One è secondo me un terminale stupendo, davvero fantastico per facilità d’uso, interfaccia utente e materiali con cui è costruito, ma temo che questo ritardo possa essere fatale.

Come dico di solito, il tempo sarà galantuomo. Spero di sbagliare e che l’HTC One abbia lo spazio che merita.

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.