Finalmente provo Samsung Knox

Mister Gadget Team13 Gennaio 2014

Devo dire la verità: non avevo capito tanto bene cosa fosse quando l’avevano presentato.

Adesso che ho attivato il servizio samsung knox ho cominciato a capirne i principi e le dinamiche.

Ho aggiornato il galaxy s4 a android kitkat. Tra le applicazioni che appaiono nella lista dei programmi di “default” si trova anche un’icona di knox con una freccia per il download

Dopo uno scaricamento abbastanza lungo e dopo una installazione che pare significativamente “pesante”, ecco apparire la richiesta di una password, di una mail a cui spedire le credenziali di reset e poi di un codice di sblocco a 4 cifre.

A quel punto si entra in modalità knox con applicazioni ridotte perché in modalità knox si possono usare e installare solo le app certificate.

Ovviamente la certificazione è la prova di attendibilità relativa soprattutto alle applicazioni che nel mondo android sappiamo essere un po’ un pasticcio.

Utile?!? Non lo so ma probabilmente é l’apertura di una strada necessaria per evitare che facciamo cazzate con dati sensibili.

Le aziende possono quindi attivare la modalità knox e controllare, se non eliminare, le applicazioni installate sul device.

In pratica funziona come il “blackberry balance”. Lo smartphone é come se fosse diviso in due parti che funzionano separatamente, senza possibilità di copiare e incollare i contenuti da una metà all’altra.

Questo serve soprattutto per coloro che hanno il problema della riservatezza dei dati e del controllo della loro diffusione.

Utile?!? A me no, ma nell’epoca delle aziende in cui ognuno porta il proprio telefono , può sempre essere d’aiuto.

Vi saprò dire come va. Intanto ho capito cosa é. Già qualcosa.