Apple: i nuovi computer MacBook Pro utilizzeranno il processore Apple M2?

Redazione Web3 Giugno 2021

Apple presenterà i suoi nuovi computer MacBook Pro la prossima settimana e secondo le voci che circolano, useranno il nuovo processore Apple M2.

Il nuovo processore vedrà presto la luce e sarà presente sui prossimi computer di Apple dedicati alla fascia professionale.

Processore completamente nuovo

Sarà un processore completamente nuovo con una grafica aggiornata rispetto ai modelli precedenti, che darà un’ulteriore lustro ai nuovi computer di marca Apple e in particolare ai MacBook Pro.

Il processo produttivo per i nuovi processori di Apple sarà da 5 nanometri e, come avviene per i SoC di iPhone ed iPad, i cuori pulsanti dei nuovi computer Apple verranno prodotti negli stabilimenti del colosso TSMC.

Seppure le informazioni sulle qualità di Apple M2 non siano dettagliate, possiamo aspettarci un ulteriore boost prestazione del già ottimo processore M1: 32 i core di calcolo che M2 potrà vantare e il tutto condito dalla possibilità di adottare fino a 32 GB di memoria LPDDR4X-4266. 

Questo farà dei nuovi computer Apple delle macchine di potenza elevata, a migliorare le ottime prestazioni dell’attuale chip M1. Ricordiamo che i MacBook attualmente in circolazione si basano su tecnologia Intel.

nuovi computer apple processore Apple M2

MacBook Pro da 16 e 14 pollici

Inoltre, si vocifera che il nuovo processore Apple M2 potrebbe servire nel computer MacBook Pro nella nuova versione da 16 pollici, ma potrebbe anche equipaggiare un nuovo modello da 14 pollici: non è da escludere l’uso in altri dispositivi, magari non subito.

Disponibilità nuovi processori

La produzione del nuovo processore è già partita, ma per vederlo disponibile dovremo attendere ancora qualche mese.

Alcuni parlano di luglio come data più ottimistica, successivamente alla WWDC21 di giugno che potrebbe avere, tra i protagonisti, proprio i nuovi computer notebook Apple MacBook Pro con Apple M2.

Di fronte a questa accelerazione di Apple nell’uso dei suoi processori, con il ritorno di AMD, che sta andando alla grande, cosa farà Intel per contenere i danni?