Apple abbandona HomePod (quello grande)
Audio Prodotti Smart Speakers

Apple abbandona HomePod (quello grande)

Con un annuncio a sorpresa, ieri Apple ha confermato che abbandona la produzione del suo smart speaker HomePod, quello dalla dimensione più grande.

Parliamo di un dispositivo lanciato ormai 3 anni fa, che da qualche giorno era indicato come “out of stock”: molti pensavano che la sparizione dal sito di Apple fosse propedeutica alla presentazione di una nuova versione, ma nessuno si aspettava un abbandono immediato del dispositivo.

In realtà, questa notizia per molti non rappresenta una sorpresa perché da tempo HomePod non è una priorità per Apple e perché il suo posizionamento ne ha ridotto drasticamente l’appeal rispetto ai concorrenti meno costosi di Apple e di Google.

L’addio di Apple alla versione più grande di HomePod non corrisponde però all’abbandono del mercato degli smart speaker perché in molti paesi è già arrivata la versione più piccola, HomePod Mini, il cui successo è stato strepitoso, ove distribuito.

Apple abbandona HomePod

Purtroppo, l’Italia non è tra questi paesi e rimane a guardare, nella speranza che presto ci sarà un lancio anche nel nostro territorio.

D’altro canto, non era stato lanciato nemmeno il modello più grande (e più costoso).

Per diverse settimane HomePod è risultato introvabile in molti dei paesi in cui viene venduto.

Anche se Apple abbandona HomePod, nella sua versione “BIG”, la versione mini è un’alternativa fenomenale, con alcune soluzioni molto accattivanti, come la possibilità di trasferire la musica dallo speaker al telefono (e viceversa) semplicemente avvicinando i due prodotti.

Apple abbandona HomePod

Per chi non potesse sopravvivere senza lo smart speaker di Apple, basterà cercare una zia d’america, ma anche una che vive appena oltre il confine di Ventimiglia, per acquistarlo all’estero.

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.