Forse adesso sappiamo come è fatto OnePlus Nord

Luca Viscardi3 Luglio 2020
Forse adesso sappiamo come è fatto OnePlus Nord

Un video “teaser” lanciato su instagram ha probabilmente svelato come è fatto OnePlus Nord, lo smartphone che molti attendono, le cui prevendite sono partite prima che il prodotto fosse svelato.


Potrebbe interessarti anche:


Quello di alcuni appassionati va considerato un atto di fede, perché gli slot disponibili per i primi “pre-ordini” sono andati esauriti in pochi secondi, anche se nessuno ha ancora visto il nuovo prodotto.

Adesso, grazie al video pubblicato oggi, siamo riusciti a vedere alcuni dettagli, come le fotocamere “a semaforo”, la doppia fotocamera frontale e la presenza del classico slider per le suonerie, marchio di fabbrica di OnePlus negli anni.

come è fatto OnePlus Nord

Bisogna dire grazie a chi si è preso la briga di isolare i fotogrammi del video, da cui si evincono le forme del nuovo telefono.

come è fatto OnePlus Nord

Qui sopra si notano i due fori delle fotocamere frontali e l’interruttore per le suonerie. Mentre nella foto sotto si vede qualche dettaglio in più delle forme.

come è fatto OnePlus Nord

Per il resto, dobbiamo pazientare ancora qualche giorno, perché le informazioni diventino ufficiali e si possa finalmente togliere il velo alla nuova proposta di uno dei marchi più cool del mercato.

A prima vista, richiama altri prodotti della famiglia BBK, la società che possiede OPPO, Vivo, Realme e parte di OnePlus.

Si potrebbe quindi pensare ad un dispositivo con Snapdragon 765, supporto al 5G e molti altri dettagli che sono tipici di alcuni prodotti Realme. Poi è compresa la ricarica veloce e un refresh rate che dovrebbe essere di 90 hz.

La scimmia balla, ma bisogna portare pazienza per scoprire davvero come è fatto OnePlus Nord.


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.