Recensione Video Samsung Galaxy A6 e A6+: sfida frontale ai modelli “lite”

Luca Viscardi17 Luglio 2018
Recensione Video Samsung Galaxy A6+

Preparando la recensione video Samsung Galaxy A6 e A6+ ho avuto la piacevole sensazione di usare due modelli completi, maturi, realizzati con l’abituale qualità di Samsung, che rappresentano un vero attacco frontale ai modelli di provenienza cinese che popolano il segmento dei cosiddetti “lite”.

Sappiamo quello che è successo negli ultimi anni: i produttori cinesi, Huawei prima di tutti, hanno aggredito il segmento tra i 200 e i 300 euro, con uno strascico verso i 400. Tantissimi modelli, praticamente tutti uguali, che vanno a saturare ogni posizionamento di prezzo con uno scarto che a volte è di 10 o 20 euro.

L’operazione ha funzionato, perché Huawei oggi (in Italia) ha quasi il 60% di quota di quella fascia di mercato, risultato raggiunto soprattutto a discapito di Samsung (e di LG): se è vero che gli ultimi modelli di Samsung hanno spostato la percezione del brand verso l’alto, è altrettanto che sono state seriamente erose le quote della fascia medio-bassa.

Ho la sensazione che questi nuovi A6 e A6+ siano il segno di un cambio di direzione molto evidente, che riposiziona la serie A con un piglio più aggressivo, che sta soprattutto nel prezzo.

La struttura è in metallo, con un aspetto che conferisce una percezione di forte solidità, gradevole anche alla vista, con una soluzione curiosa e simmetrica nel posizionamento delle antenne, quella di cui nella foto qui sotto vi mostro solo la parte superiore, con quel profilo grigio stondato.

Recensione Video Samsung Galaxy A6 e A6+: sfida frontale ai modelli

 

Recensione Video Samsung Galaxy A6 e A6+: il display prima di tutto

La prima cosa che vi colpirà dei nuovi A6 e A6+ sarà il display, perché entrambi sono dotati di un pannello Super AMOLED, con due diverse dimensioni da 5.6 e 6.0 pollici e già questo è un buon motivo per assegnare punti in più a questi smartphone. Neri profondi, un consumo molto limitato e colori vivi e leggibili anche alla luce diretta del sole.

I due schermi hanno proporzione da 18.5:9, non hanno un notch e riprendono le forme di Galaxy S9, se si esclude il bordo curvo. Il modello A6 ha una definizione HD+, mentre A6+ è FullHD+, ovviamente la densità dei pixel cambia drasticamente, dai 411 di A6+ ai 291 di A6.

Recensione Video Samsung Galaxy A6 e A6+: sfida frontale ai modelli

La proporzione tra schermo e area totale del dispositivo è del 75,3% per A6+, del 75% per A6, mentre la superficie è rispettivamente di 91.4 e di 79,6 cm2.


Potrebbe interessarti anche:


Entrambi i telefoni hanno l’AOD, Always On Display, altra opzione che traccia la distanza tra questi modelli e gli altri della stessa fascia di mercato.

Recensione Video Samsung Galaxy A6 e A6+: sfida frontale ai modelli

Recensione Video Samsung Galaxy A6 e A6+: processore discreto

Sono diversi anche i processori usati, nel modello più semplice c’è un Exynos 7870, che ha un clock da 1.59 ghz, con una combinazione di 32 gb di memoria interna con 3 gb di RAM, mentre dentro A6+ c’è uno snapdragon 450 con 4GB di ram e ci saranno diverse varianti con 32 o 64 gb di memoria.

La dotazione hardware permette il supporto a Samsung Pay, mentre la sicurezza è affidata al sensore delle impronte digitali incrociato con lo sblocco del viso.

Dentro lo smartphone c’è anche la radio FM, mentre  il bluetooth è in Versione 4.2, ma senza opzioni audio avanzate, che sono invece disponibili se si ascolta l’audio con le cuffie con il cavo. In quel caso si può sfruttare la disponibilità di Dolby Atmos.

Recensione Video Samsung Galaxy A6 e A6+: sfida frontale ai modelli

Recensione Video Samsung Galaxy A6 e A6+: fotocamera discreta

Anche la fotocamera marca la differenza tra A6 e A6+, entrambi dotati della potenza di Bixby Vision, ma se da una parte c’è una doppia fotocamera da 16+5 mpx, dall’altra c’è un sensore singolo da 16 mpx.

Dividiamo i dispositivi: Samsung Galaxy A6+ ha una doppia fotocamera da 16 mpx con apertura F/ 1.7 e da 5 mpx con apertura F/1.9. La fotocamera anteriore da 24 mpx con apertura F/1.9 completa l’ottima dotazione, che garantisce scatti di ottima qualità in ogni condizione. Con la fotocamera doppia principale avete anche un’opzione premium come la messa a fuoco live che ha fatto ili suo esordio su Galaxy Note 8 e su Galaxy S9.

Recensione Video Samsung Galaxy A6 e A6+: sfida frontale ai modelli

I video sono con una risoluzione massima di 1080 pixel e 30 frame al secondo.

Il Samsung Galaxy A6 “normale” ha invece un sensore posteriore da 16 mpx con apertura F/1.7 e un sensore frontale sempre da 16 mpx, ma con apertura F/1.9. Anche in questo caso, i video hanno una qualità discreta, a 1080 pixel con 30 frame al secondo. Non c’è stabilizzazione video.

Recensione Video Samsung Galaxy A6

Recensione Samsung Galaxy A6 e A6+: batteria più che buona

Con la combinazione tra processore, display, capacità delle batterie, l’autonomia dei due dispositivi è ottima, grazie ai 3.500 e 3.000 mAh, che vi porteranno a fine giornata senza stress. Purtroppo non c’è connettore Type-C per la ricarica e dovrete affidarvi al consolidato connettore Micro-USB con cui avrete 1000 o 2000 cavi dentro casa.

Recensione video Samsung A6 e A6+: prezzi e disponibilità

I nuovi smartphone sono disponibili sul mercato a prezzi molto competitivi, più bassi di quelli ufficiali di 309 e 369 euro rispettivamente. Il nuovo Samsung Galaxy A6 Isi trova su Amazon a 236 euro, basta CLICCARE QU! Se invece cercate un Galaxy A6+, potete puntare decisamente a QUESTO LINK! Il prezzo in questo caso è di circa 270 euro, quasi 100 in meno rispetto al posizionamento originale che troverete nei negozi.  Con questo livello di prezzo diventa un acquisto spettacolare. Produttore cinesi, siete avvisati: la pacchia sembra essere finita. Samsung is back.


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.