Recensione Suicide Squad: Kill the Justice League – Qualche intoppo di troppo per la squadra suicida

Riccardo Ferrari10 Febbraio 2024
Suicide Squad: Kill the Justice League

Suicide Squad: Kill the Justice League vede protagonisti gli antieroi di casa DC Comics fronteggiare la Justice League

Rocksteady Studios ha ridefinito il genere action-adventure e ha rivoluzionato l’adattamento dei supereroi nel mondo dei videogiochi con la sua saga Arkham. Contro ogni previsione, Batman si è ritirato nel giugno 2015 dopo Arkham Knight. 8 anni dopo, il Cavaliere Oscuro, ma anche la Justice League tornano in servizio per ricoprire un ruolo completamente nuovo… quello di antagonisti di lusso.

Il looter shooter Suicide Squad: Kill the Justice League è in grado di continuare la lotta iniziata da Bruce Wayne e la Bat-Family alla fine degli anni 2000?



Suicide Squad: Kill the Justice League

La fine dell’Arkhamverse

È essenziale prima di giudicare questa nuova epopea eroica inventata da Rocksteady Studios riposizionare Suicide Squad: Kill the Justice League. Questo Action-RPG è davvero il sequel diretto di Batman: Arkham Knight, e si integra pienamente nell’Arkhamverse (l’universo Arkham) che piaccia o meno ai fan di questa saga di videogiochi. Gli eventi vissuti dalla Task Force X comandata da Amanda Waller concludono così nel 2024 con gli antieroi più pazzi della scuderia DC una serie che è iniziata quasi quindici anni prima.

La storia inizia con l’invasione della Terra da parte delle forze armate di un nuovo super-villain di nome Brainiac e con l’acquisizione di diversi membri della Justice League attraverso un sapiente lavaggio del cervello. Appena si lancia l’avventura, un primo grande difetto purtroppo si palesa davanti ai nostri occhi. Questa intrusione aliena e la caduta dei supereroi più potenti dell’universo DC non viene mai mostrata. E la delusione generata da questa scelta narrativa è all’altezza delle aspettative poste in uno scontro che si annunciava a dir poco epico.

Di fronte all’onnipotenza di Brainiac e dei suoi meta-umani (Superman, Batman, Lanterna Verde, ecc.), gli Stati Uniti nella persona di Amanda Waller si rivolgono a un altro genere di eroi… super-cattivi. Ora membri della Suicide Squad, la loro esistenza si riduce a superare le missioni affidate o morire provandoci. Per garantire la loro totale obbedienza, il capo dell’agenzia governativa paramilitare segreta “ARGUS” ha persino impiantato loro nano-bombe nel loro cervello. Una situazione disperata, soluzione disperata.

Suicide Squad: Kill the Justice League

I 4 cavalieri dell’apocalisse

Kill the Justice League brilla soprattutto per la sua messa in scena che tende a disinnescare l’epica missione data all’inizio del gioco attraverso un umorismo ben inquadrato che spesso colpisce nel segno. I fan di The Suicide Squad diretto nel 2021 da James Gunn saranno felici di ritrovare quel tono così particolare che oscilla tra eroismo e battute sboccate, caratteristica propria della moderna Task Force X. Poi Warner Bros. Games ha chiaramente messo in piedi una grande produzione per offrire alla sua squadra suicida un’avventura degna del loro sacrificio.

Questo gioco Suicide Squad raramente lesina sui mezzi – soprattutto visivi – per mettere in scena le azioni di un quartetto veloce a risolvere tutte le situazioni, anche le più pacifiche, con un grande di armi e bombe varie. I filmati rendono giustizia alla Task Force X e alla loro missione che sulla carta sembra impossibile: eliminare i membri della Justice League. Inoltre, Rocksteady Studios hanno attinto a piene mani dai fumetti per dare consistenza a questa guerra tra Davide e Golia, e rispettano per lo più il materiale sorgente, anche se alcune distorsioni sono a volte fatte per il bene della narrazione.

Il principale difetto narrativo di Suicide Squad: Kill the Justice League risiede nel suo prologo. L’introduzione prende la forma di un flashforward poco ispirato e imbarazzante che ha come unica ragione di essere quella di testare i quattro antieroi prima di iniziare la vera avventura… 7 giorni prima.

Tuttavia, il titolo di Rocksteady offre ai fan dell’universo DC personaggi di spicco per arricchire un’avventura che coinvolge molti personaggi di culto tra cui Il Pinguino aka Oswald Copplebot, Lex Luthor, Lois Lane. La loro utilità durante la narrazione varia dal semplice cameo a punti di svolta della trama. Il piacere della scoperta lo lasciamo a te.

Suicide Squad: Kill the Justice League

Una squadra in città

Il palcoscenico delle operazioni è cambiato. Le strade diffamate, buie e sporche di Gotham City lasciano il posto alla maestosa e luminosa città di Metropolis. Una volta il feudo di Superman e della Justice League, la città è ora spopolata. Ad eccezione delle truppe di Brainiac e dei membri dell’ARGUS, non c’è quasi più un’anima che viva per animare le strade e i vicoli della megalopoli. Anche se questa assenza è giustificata dalla sceneggiatura, trasforma il mondo aperto immaginato dagli artisti di Rocksteady in una semplice arena.

Questa immensa arena ha la ragione di esistere solo di fare il collegamento tra le missioni, sia principali che secondarie, e di godere di un sistema di spostamento sapientemente eseguito. È davvero piacevole attraversare Metropolis in jetpack o con l’aiuto di un rampino, anche se alla lunga diventa ridondante. La città, tuttavia, può vantare di offrire un tempo dinamico e un ciclo giorno/notte (un grande classico degli open world) che non cambiano in alcun modo il metodo di come completerai gli obiettivi affidati da Amanda Waller, ma che rende credibile l’universo del gioco.

Poi Metropolis può vantarsi di essere un gioiello visivo gestito da un Unreal Engine 4 che si è dimostrato all’altezza. La città di Superman si estende in tutto il suo splendore su un vasto territorio sia a terra che nei cieli per aggiungere verticalità a un gameplay incentrato sullo shooting. Ahimè, Amanda Waller non rinnova quasi mai i suoi ordini di missioni che si riducono a difendere, sopravvivere, eliminare e scortare. Anche se questi grandi principi sono alterati da varie condizioni, questo non può arginare a lungo la sensazione di fare costantemente la stessa cosa, ancora e ancora. E non sono le sfide e gli altri collezionabili sparsi sulla mappa o anche le rare sequenze in veicolo che cambieranno il gioco.


Potrebbe interessarti anche:


Suicide Squad: Kill the Justice League

Nel mirino

I termini Looter shooter riassumono perfettamente l’esperienza di gioco immaginata da Rocksteady. Suicide Squad: Kill the Justice è fedele al genere in cui si inserisce e applica (un po’ troppo) alla lettera i suoi fondamenti, ovvero uccidere migliaia di nemici e ottenere attrezzature sempre più potenti. Per avere successo in questo tipo di videogiochi, è quindi necessario avere un gameplay che fornisca buone, se non eccellenti sensazioni di shooting. Fortunatamente, la Task Force X sa far parlare i loro talenti. È davvero piacevole sparare a tutto ciò che si muove e volare diversi metri sopra la terraferma per combattere al meglio i contingenti di Brainiac.

I nostri quattro antieroi però affrontano troppo spesso gli stessi nemici in loop, la cui minaccia principale è il numero e non l’intelligenza artificiale che non fa gridare al miracolo. Anche i combattimenti tra boss riescono solo per breve tempo a dare una ventata di aria fresca alle situazioni. Questi ultimi alla fine si rivelano poco memorabili e troppo convenzionali. Tuttavia, i gameplay tutti diversi di Deadshot, Harley Quinn, King Shark e Captain Boomerang regalano un po’ freschezza su un’avventura essenzialmente ripetitiva.

I nostri quattro antieroi sono molto diversi, sia nella loro personalità che nel modo di affrontarli in gioco. Sono vere e proprie classi di personaggi con alberi di talenti e attrezzature specifiche. L’ascesa della Suicide Squad è una delle grandi qualità di Kill the Justice League che conferisce regolarmente ai giocatori nuove abilità, armi e miglioramenti. Rocksteady Studios non reinventa in alcun modo le meccaniche dei giochi di ruolo, ma le applicano seriamente. La sensazione di controllare il destino della Task Force X è reale e davvero inebriante.

Infine, la cooperazione è al centro dell’esperienza immaginata dagli studi britannici che volevano realizzare un videogioco multiplayer dopo le tre avventure single-player timbrate Arkham. Certo, Kill the Justice League può essere finito da soli con le IA che gestiscono i compagni, ma non è stato progettato per essere vissuto così. È a 4 “umani” che l’avventura assume tutto il suo significato e svela tutto il suo potenziale, anche se questo non cancella in alcun modo i difetti menzionati in precedenza. Le sinergie create al volo tra i membri della squadra e il semplice piacere di combattere di fronte a Superman tra amici fanno la differenza in questo looter-shooter. Poi, il netcode e il matchmaking incoraggiano con la loro efficacia ad essere catapultati a Metropolis con gli amici. In queste condizioni, perché privarsi di una sana partita cooperativa?

Suicide Squad: Kill the Justice League

Questa (non) è la fine

Kill the Justice League è alla fine solo l’inizio, o addirittura un pretesto per imparare duramente le tecniche e meccaniche di gameplay prima di lanciarsi all’assalto di Brainiac. Come looter-shooter rispettoso del genere, il titolo di Rocksteady Studios si dota di un solido endgame che può facilmente essere ridotto a incatenare missioni per ottenere ricompense e XP… per intraprendere missioni ancora più difficili… ecc. ecc. Non sorprende che il multiverso entri allora in gioco e con esso una moltitudine di pianeti Terra e sicuramente nuovi personaggi o versioni alternative di quelli già incontrati.

Solido sulla carta con la sua infinità di missioni e il suo loot sempre più attraente, questo finale di avventura è altrettanto ridondante se non più della caccia ai membri della Justice League. È gratificante diventare più potente e ridurre a nulla in una frazione di secondo le forze di Brainiac, ma per quale scopo… tranne quella dell’eterna e infinita ricerca di potere. 

I difetti di Suicide Squad: Kill the Justice League emergono ancora di più mentre la sensazione di essere prigionieri di un loop giocoso senza fine viene esacerbata man mano che si sbloccano nuovi livelli di difficoltà. È presente anche un negozio che vende solo articoli cosmetici. Niente di “pay to win” per fortuna, ma la tenace delusione di non essere in grado di ottenere alcune skin se non si paga lascia un po’ l’amaro in bocca.

Suicide Squad: Kill the Justice League
Suicide Squad: Kill the Justice League
Rocksteady Studios hanno promesso di uccidere i più grandi eroi della DC ed è quello che hanno fatto… in tutti i sensi. Suicide Squad: Kill the Justice League è un looter shooter efficace, non sorprendente, ma soprattutto generico che fatica a rinnovare l’esperienza di gioco con l’avventura. Tuttavia, questo Action-RPG a mondo aperto si difende sul campo della messa in scena, delle immagini e soprattutto della scrittura con un tono sia super-eroico che umoristico. La dimensione “gioco di ruolo” centrale su questo tipo di proposta di videogioco non è da meno e sedotta da una costante ascesa della Task Force X che dispiega tutto il suo know-how per fare un gioco alla pari con Justice League of America. Sfortunatamente, gli studi britannici non riescono mai a raggiungere la qualità proposta dei maestri del genere (Borderlands 3, Destiny 2 e persino Outriders). La missione suicida di Rocksteady non è né un fallimento, né un vero successo.
Pro
+ Il seguito dell’Arkhamverse
+ La realizzazione dei filmati
+ Lo splendore apocalittico di Metropolis
+ Il tono e l’umorismo degni della “Suicide Squad”
+ I 4 antieroi (Deadshot, Harley Quinn, King Shark, Captain Boomerang)
+ Le sensazioni di shooting e di movimento
+ L’ascesa della Task Force X
+ L’ampiezza dell’endgame
+ L’esperienza multiplayer a 4
Contro
– La fine dell’Arkhamverse
– La caduta della Justice League totalmente occultata dalla storia
– Un tutorial in flashforward imbarazzante
– Combattimenti con i boss poco memorabili
– Un bestiario poco vario e con l’IA sommaria
– La ripetitività delle missioni e degli obiettivi
– Il negozio e le skin esclusive


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.