eSIM: cosa sono e come funzionano le sim virtuali

Maria Grazia Cosso26 Ottobre 2023
coopVOCE eSIM

Non ci basta più un orizzonte di offerte a prezzi stracciati e dimensioni sempre minori, il nuovo trend nelle telecomunicazioni diventano le sim virtuali. Vediamo cosa sono e come funzionano le eSIM.



Le eSIM sono schede SIM virtuali che consentono agli utenti di collegarsi a reti mobili senza la necessità di una scheda SIM fisica. Ma cosa vuol dire che non sono fisicamente presenti sui nostri dispositivi, e quali sono le implicazioni sulle tariffe e la gestione? Cerchiamo insieme le risposte a queste domande.

eSIM: la nuova era delle telecomunicazioni

eSIM è l’abbreviazione di Embedded Subscriber Identity Module ovvero la versione digitale e integrata del sistema di autenticazione univoca per accedere alla rete cellulare tramite un dispositivo. Sono una versione virtuale della scheda sim tradizionale, che dunque passa dall’essere un chip impiantato su un supporto da inserire in un apposito alloggiamento al trasformarsi in un circuito integrato nel dispositivo e programmabile facilmente via software.

Lo standard eSim è stato diffuso nel 2016 – curiosamente con uno smartwatch, Samsung Gear S2 Classic 3G – e le prime versioni sono apparse in Italia nel 2019: a oggi una larghissima fetta di smartphone Android e tutti i modelli recenti di iPhone la integrano come alternativa parallela allo slot tradizionale per le schede fisiche. 

eSIM: cosa sono e come funzionano le sim virtuali

Sono basate sulla tecnologia Universal Integrated Circuit Card (UICC), che è lo standard internazionale per le schede SIM. Gli smartphone che le supportano sono dotati di un chip NFC integrato, che consente al dispositivo di comunicare con il fornitore di servizi mobili. Il chip NFC è un circuito integrato che utilizza la tecnologia Near Field Communication (NFC) per comunicare con altri dispositivi.

Lo standard eSIM 2.0, pubblicato nel 2020, ha aggiunto il supporto per altre tecnologie, come il Bluetooth, ma il chip NFC è ancora richiesto. Ad esempio, gli iPhone XS e successivi, che sono tra i primi dispositivi a supportare le sim virtuali, utilizzano un chip NFC per scaricare il profilo.

Come configurare una eSIM

Quando un dispositivo con eSIM viene avvicinato a un terminale NFC di un fornitore di servizi mobili, il chip NFC del dispositivo comunica con il terminale per scaricare il profilo. Quest’ultimo contiene le informazioni necessarie per connettersi alla rete mobile del fornitore, come il numero di telefono, il piano dati e le impostazioni di rete.

Bug scheda SIM iphone 14

Una volta scaricato il profilo, il dispositivo può essere utilizzato per connettersi alla rete mobile del fornitore. Inoltre, le eSIM possono anche essere configurate e attivate tramite un’app o un sito web del fornitore scelto. In tal caso per completare l’installazione basta scansionare il codice QR che viene consegnato al momento dell’acquisto, ma è bene sapere che in quel momento il telefono deve essere necessariamente collegato ad una rete Wi-Fi.

eSIM su smartwatch e smartphone

Ormai supportate da un numero crescente di dispositivi, tra cui smartphone, tablet, smartwatch e altri dispositivi indossabili, le eSIM funzionano in modo simile alle SIM fisiche, ma invece di essere inserite nel dispositivo, vengono configurate e attivate tramite un’app o un sito web.

Le SIM virtuali offrono una serie di vantaggi rispetto alle fisiche, tra cui ovviamente la dimensione. Sono più facili da sostituire o attivare, poiché non richiedono l’apertura del dispositivo. Possono essere utilizzate in più dispositivi, il che può essere utile per gli utenti che viaggiano frequentemente.

Le eSIM sono ancora una tecnologia relativamente nuova, ma stanno diventando sempre più popolari. Alcuni esempi di dispositivi che le supportano sono gli iPhone successivi all’XS, i Samsung Galaxy dopo l’S20, i Google Pixel successivi al 4. Fra i tablet troviamo l’ iPad Pro (2020) e successivi, Samsung Galaxy Tab S7 e S7+. Infine sugli smartwatch: Apple Watch Ultra 2 ovviamente affiancato da Samsung Galaxy Watch 6. Altri dispositivi indossabili che supportano le eSIM sono: Fitbit Sense, Garmin Forerunner 245, Huawei Watch GT 3.

eSIM: costo e attivazione

I prezzi e i piani delle eSIM variano ovviamente a seconda dell’operatore. In generale, il costo di attivazione di un’eSIM è di circa 10 euro per tutti gli operatori che ti stiamo per elencare, per un nuovo numero, mentre sui 15 per un trasferimento di un numero esistente. Avevamo già parlato delle eSIM Fastweb in un precedente articolo, ma abbiamo raccolto anche alcuni esempi di prezzi e piani degli altri fornitori in Italia:

  • Vodafone: Offerte a partire da 7,99 euro al mese per 50 GB di dati, minuti e SMS illimitati.
  • TIM: Offerte a partire da 7,99 euro al mese per 150 GB di dati, minuti e SMS illimitati.
  • WindTre: Offerte a partire da 7,99 euro al mese per 100 GB di dati, minuti e SMS illimitati.
  • Very Mobile: 9Offerte a partire da 6,99 euro al mese per 6,4 GB di dati, minuti e SMS illimitati.
  • Spusu: Offerte a partire da 5,98 euro al mese per 70 GB di dati, minuti e SMS illimitati.

Potrebbe interessarti anche:



Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.