Recensione Crisis Core Final Fantasy VII Reunion: una remaster davvero curata

Riccardo Ferrari2 Gennaio 2023
Crisis Core Final Fantasy VII Reunion 2

In attesa del sequel del Remake l’anno prossimo, i fan di Final Fantasy VII possono riversare il loro dolore in Crisis Core Reunion, una versione aggiornata del prequel di FF7 rilasciato su PSP. Quindici anni dopo, questo gioco di ruolo d’azione è ancora così efficace e all’altezza del suo status?

Nel corso degli anni, Final Fantasy VII ha occupato un posto così importante nella saga di Final Fantasy che ha finito per costituire una sottoserie a sé stante. Nel 2007, per i dieci anni dall’uscita del gioco originale su PS1, Square Enix ha deciso di annunciare la Compilation of Final Fantasy VII che riunisce diversi tipi di opere legate all’universo del gioco. Questi progetti cross-media includono il film Advent Children, ma anche un titolo completamente nuovo per la PSP: Crisis Core: Final Fantasy VII che si svolge prima degli eventi del gioco originale. Questa volta, non si interpreta Cloud ma Zack Fair, un personaggio che già appariva in FF7.

Per l’epoca, questo spin-off era particolarmente ambizioso poiché prendeva la forma di un gioco di ruolo-action con combattimenti in tempo reale, una grande novità per la saga di Final Fantasy. Ma l’altro elemento che ha reso Crisis Core un titolo cult della PSP è stato perché ha avuto una realizzazione tecnica impressionante per la console portatile di Sony, soprattutto grazie ai suoi filmati CGI. 

Con tutte le sue qualità e la sua sceneggiatura toccante, il titolo è diventato una pietra miliare nell’universo di FF7 e uno dei migliori titoli della console portatile di Sony. Quindi, inevitabilmente, i fan erano felici quando Crisis Core: Final Fantasy VII Reunion è stato annunciato nel corso dell’anno ormai scorso. Dietro questo nome allungato c’è una versione aggiornata del gioco PSP tra la remaster e il remake, solo per far aspettare i giocatori prima dell’uscita del prossimo anno di Final Fantasy VII Rebirth, il sequel di Final Fantasy VII Remake.



La trama di Crisis Core Final Fantasy VII Reunion: una storia ancora ancora coinvolgente

Beh, diciamolo subito: nonostante le divergenze di Final Fantasy VII Remake con la trama del gioco PS1, la storia di questo Crisis Core: Final Fantasy VII Reunion rimane strettamente identica a quella del gioco PSP. Se hai già finito il titolo all’epoca, quindi non avrai sorprese. Ma per gli altri, vi viene ricordato che Crisis Core è ambientato prima degli eventi di Final Fantasy VII e ci fa seguire le avventure di Zack Fair, un giovane che fa parte dei SOLDIER. Dietro questo nome si nasconde l’organizzazione militare della Shinra, la megacorporazione che controlla tutto in questo universo.

La trama inizia mentre l’azienda è in guerra con il Wutai, un paese che si rifiuta di vendere l’energia mako del suo suolo, cioè la materia prima che serve a generare elettricità che è la principale fonte di reddito della Shinra. Accompagnato dal suo mentore Angeal, Zack va sul posto per prendere parte al conflitto, ma anche per perseguire un SOLDATO di 1a classe di nome Genesis che ha disertato. Nel corso dell’avventura, il nostro eroe imparerà la verità sui diversi esperimenti scientifici della Shinra, mentre prende parte a eventi che giocheranno un ruolo determinante nella trama di Final Fantasy VII.

Quindici anni dopo, Crisis Core è ancora una storia imperdibile dell’universo di FF7. La sua prima qualità risiede prima nel suo personaggio principale, Zack, che rimane uno dei migliori eroi della saga di Final Fantasy. Gentile, divertente e soprattutto gioviale, il giovane è un vero raggio in questo mondo triste e inquinato che vive sotto il controllo della Shinra. È grazie al suo buon umore e al suo lato accattivante che la sua storia è solo più toccante, soprattutto nel suo epilogo.

Accanto a Zack, il trio di amici formato dal famoso Sephiroth e dai suoi due compagni inediti, Angeal e Génésis, permette di esplorare più a fondo i temi chiave che si trovano nel gioco originale. Nonostante tutte queste qualità, la storia di Crisis Core conserva i difetti di un tempo. Le motivazioni che muovono alcuni personaggi non sono sempre ben spiegate mentre alcune scene di culto già presenti nel gioco PS1 avrebbero potuto essere meglio evidenziate se non avessero potuto riprodurre la stessa messa in scena di allora. Piccoli dettagli quindi ma che non impediscono di godersi la storia di Zack, né le tutte le aggiunte fatte all’universo di FF7.

Crisis Core Final Fantasy VII Reunion 2

Una remaster graficamente all’altezza di FF7 Remake

Mentre la storia di Crisis Core Reunion rimane identica alla versione PSP, i principali cambiamenti in questa versione aggiornata si vedono prima di tutto attraverso la grafica. Con l’uscita di Final Fantasy VII Remake nel 2020, siamo stati in grado di riscoprire Cloud, i suoi amici ma anche Midgar sotto una nuova luce grazie a immagini più belle che mai.

Ovviamente, per corrispondere a questi standard, Crisis Core ha subito molti cambiamenti. Prima di tutto, questo si vede attraverso i modelli 3D dei personaggi che sono stati tutti totalmente rifatti. Con questo lavoro accurato, questi ultimi sembrano più vivi e veri che mai, come quello che abbiamo potuto conoscere nel Remake. Questa sensazione passa attraverso il fatto che tutti i dialoghi sono ora completamente doppiati e che si può scegliere tra voci inglesi o giapponesi. E poi, durante i filmati più importanti, troviamo animazioni facciali altrettanto riuscite che rafforzano la sensazione di vedere personaggi più vivi che mai.

Al di là dei personaggi, anche gli ambienti sono stati oggetto di una cura speciale. Aggiungendo alcuni elementi di ambientazione e dettagli, il tutto sembra più piacevole da percorrere, anche se si rimane in corridoi vuoti la maggior parte del tempo, ma ci torneremo un po’ più tardi. Mentre Crisis Core Reunion è quindi un remaster di successo visivamente, anche questo lifting grafico non è privo di difetti.


Potrebbe interessarti anche:


I filmati CGI sono ancora impressionanti oggi, in Reunion, soffrono di una grana abbastanza pronunciata che contrasta con il resto dei momenti in-game, specialmente su PS5 e Xbox Series. E per quanto riguarda i dialoghi meno importanti, notiamo che le animazioni facciali sono un po’ più fisse, ma qui si tratta di più dettagli. In ogni caso, con il lavoro degli sviluppatori, Crisis Core Reunion riesce a offrire un rendering che si avvicina al Remake per offrire una maggiore coerenza tra le opere dell’universo Final Fantasy VII.

Crisis Core Final Fantasy VII Reunion 2

Come si gioca Crisis Core Final Fantasy VII Reunion: un gameplay modernizzato per combattimenti più divertenti

Oltre alla grafica, i grandi cambiamenti di Crisis Core Reunion si sentono soprattutto a livello di gameplay. Se non l’hai giocato all’epoca, ti viene ricordato che questo spin-off di FF7 prende la forma di un gioco di ruolo-action in cui si controlla solo Zack in combattimenti in tempo reale che si svolgono in piccole arene.

Per difenderci, abbiamo un pulsante di attacco che possiamo concatenare più volte per fare una combo, un pulsante per la schivata e un altro per la parata. Oltre a questa solida base, Zack può usare materie, quelle famose pietre che permettono di utilizzare magia e abilità nel mondo di FF7, per lanciare incantesimi o innescare abilità, ma anche consumare oggetti durante lo scontro.

Da questo gameplay efficace che aveva la forza dell’esperienza su PSP, Crisis Core Reunion porta la sua parte di novità. La più importante è che la combo base di Zack con la spada è stata modificata per guadagnare dinamismo. Concretamente, se prima il nostro eroe faceva tre attacchi con un ritmo abbastanza lento, ora può concatenare cinque nuove mosse più veloci e fluide che ricordano i colpi di spada di Cloud in Final Fantasy VII Remake. Detto così, non sembra niente, ma poiché questa sequenza è la principale fonte di danni del giocatore, averlo rifatto aiuta a rendere i combattimenti più dinamici e fluidi. Nel raggio delle novità, le materie delle magie e le abilità ora si attivano grazie alle scorciatoie e non dal menu in basso a destra, rendendo i combattimenti molto più egorici.

L’ultima grande novità di gameplay portata da Crisis Core Reunion riguarda il sistema di OCN. Se non hai mai giocato a Crisis Core all’epoca, l’OCN è una sorta di roulette in alto a sinistra dello schermo che scatta in modo casuale e su cui il giocatore non ha alcun impatto. Quando gli stessi numeri o ritratti si allineano, Zack può beneficiare di boost di statistiche, vari effetti, ma anche attivare potenti attacchi che ricordano i Limit Break di Final Fantasy VII.

Il problema di questo sistema è che a causa del suo lato casuale, i combattimenti erano sentiti interrotti dalle animazioni che accompagnano ciascuna delle sue abilità speciali e che non potevano mai essere superate. Ben consapevoli di queste osservazioni, gli sviluppatori hanno fatto in modo che gli attacchi speciali prodotti dall’OCN si attivano solo quando il giocatore lo desidera attraverso un pulsante, mentre le animazioni possono ora essere passate. Con queste piccole opzioni di comfort, i combattimenti sono solo fluidi e piacevoli.

Crisis Core Final Fantasy VII Reunion 2

Considerazioni finali: struttura datata, ma contenuto gargantuesco

Dal punto di vista della grafica e del gameplay, Reunion è una vera modernizzazione di Crisis Core. D’altra parte, quando guardiamo la sua struttura, rimaniamo di fronte a un gioco PSP di quindici anni fa. Durante tutta l’avventura, ci accontentiamo di avanzare in corridoi che sono in realtà una successione di arene mascherate.

E come allora, i nemici non sono visibili prima di essere affrontati poiché i combattimenti sono casuali, il che significa che si cammina in corridoi vuoti. Corridoi sicuramente più belli, ma sempre anche vuoti. Per compensare questa struttura, troviamo varie fasi di gioco così come mini-giochi già presenti nell’esperienza originale. Tagliare i missili, infiltrarsi nelle basi nemiche o eliminare i robot con un cecchino, queste piccole originalità rompono la routine del giocatore, ma bisogna riconoscere che non tutte le sequenze hanno successo e alcune sono anche a volte dolorose. Si pensa in particolare al ragazzo delle baraccopoli che ruba il portafoglio di Zack ed in cui parlando con tutti i commercianti.

Per quanto riguarda la sua trama principale, Crisis Core rimane un gioco relativamente breve di cui si può vedere la fine in una quindicina di ore se si pensa solo alla trama. Tuttavia, accanto alla sua storia avvincente, il titolo offre una tonnellata di contenuti annessi che dovrebbero tenere in sospeso tutti coloro che si aggrappano al sistema di combattimento.

Ad ogni punto di salvataggio, Zack può accedere a missioni secondarie direttamente disponibili sul suo cellulare. Da lì, ci sono diversi tipi di obiettivi con ricompense varie e molto pratiche. In questo modo si ottiene la possibilità di portare più attrezzature, di avere più materie a disposizione ma anche di sbloccare nuove invocazioni. Per questi ultimi, non si sceglie quando si attivano poiché passa ancora una volta attraverso il sistema dell’OCN. Ma per dirla in modo più semplice, se hai intenzione di affrontare le missioni secondarie di Crisis Core, allora ne avrai per diverse decine di ore in più.

Crisis Core Final Fantasy VII Reunion
Tra la remaster e il remake, Crisis Core Reunion aggiorna brillantemente uno dei migliori giochi dell’era PSP. Grazie alla grafica all’altezza di Final Fantasy VII Remake, si gode al meglio l’emozionante avventura di Zack, un personaggio sempre così carismatico e accattivante. Lungi dall’essere un semplice lifting visivo, il gameplay si sta modernizzando anche attraverso controlli più flessibili e opzioni di comfort che rendono i combattimenti più dinamici e fluidi che mai. E se troviamo tutti gli elementi che facevano la forza dell’esperienza originale come il suo sistema di materie, alcuni difetti persistono come la sua storia affrettata a volte, la sua struttura lineare o anche le sue fasi di gioco che non sono tutte uguali. Niente da rovinare questa bella storia che rimane una pietra centrale nell’universo di Final Fantasy VII e dovrebbe giocare un ruolo importante in Rebirth, il sequel di FFVII Remake, previsto per il prossimo anno.
Pro
+ Zack, sempre uno dei migliori personaggi di Final Fantasy
+ Una remaster graficamente di successo che non sfigura con FFVII Remake
+ Un gameplay più flessibile e fluido che guadagna dinamismo
+ Opzioni di comfort di gioco più che benvenute
+ Il sistema di equipaggiamento e fusione delle materie
+ Un’avventura completamente raddoppiata
+ Una tonnellata di contenuti secondari
Contro
– Una struttura lineare e ripetitiva di un gioco PSP di 15 anni fa
– I filmati in CGI soffrono di una grana pronunciata
– Alcune fasi di gioco non sempre interessanti

I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.