Recensione Need for Speed Unbound, la fusione tra Forza Horizon e Burnout

Riccardo Ferrari13 Dicembre 2022
Need For Speed Unbound

Dopo il deludente Heat, la saga di Need for Speed ritorna con un nuovo capitolo, Unbound, che punta a riportare la saga nella giusta traiettoria.

3 anni dopo un deludente Need for Speed Heat, Criterion Games lancia un nuovo titolo originale per la saga di NFS. Chiamato Need For Speed Unbound, il gioco di corse arcade è questa volta esclusivamente su console di ultima generazione e PC. Sarà riuscito ad alzare il livello e fare un passo avanti rispetto gli ultimi capitoli?

Dopo Miami, benvenuto a Chicago! Questa è la nuova cornice di Need for Speed Unbound, un nuovo episodio di una mitica licenza videoludica di corse arcade, lanciata da Electronic Arts 28 anni fa. Più di 20 titoli dopo, la saga si distingue esclusivamente su PlayStation 5, Xbox Series e PC con l’obiettivo di far dimenticare un Need For Speed Heat senza sapore.



Lo stile unico di Need For Speed Unbound: tra Cel-shading e Lakeshore City

Dopo la costa occidentale degli Stati Uniti e Miami per l’ultimo episodio, Need For Speed Unbound si ispira a Chicago con la creazione di un nuovissimo open world chiamato Lakeshore City. Si incarna un personaggio tra cui scegliere tra una selezione prima di iniziare la partita, completamente personalizzabile fino allo stile di abbigliamento con un buon numero di marche.

E lo stile di NFS Unbound viene svelato fin da quei primi secondi. I personaggi sono in cel-shading, uno stile di grafica cartoon omaggio a titoli come Jet Set Radio e influenzato dalla cultura street art. Durante le prime gare, notiamo allora che il fumo prodotto durante gli slittamenti del veicolo abbraccia anche questo particolare stile, abbastanza per dare un’identità simpatica al titolo, senza distruggere gli occhi con colori psichedelici.

La città è piuttosto vivace rispetto a quella del precedente capitolo, con un tempo dinamico, effetti di luce scintillanti, passanti certamente impossibili da schiacciare, ma lì per dare vita a Lakeshore City, il tutto condito dalla musica di compositori riconosciuti come A$AP Rocky, presente come personaggio nel gioco, e Brodinski o SCH.

Per il resto, è un Need For Speed davvero completo, con un numero abbastanza grande di auto con licenze ufficiali, 143, con i produttori più appariscenti come BMW, Ferrari, Porsche, Aston Martin o Lamborghini. D’altra parte, dimenticheremo rapidamente la sceneggiatura della modalità single-player, una storia di tradimento e vendetta tra i protagonisti in salsa Fast & Furious. I personaggi principali o secondari sono infatti pieni di cliché o insipidi, e per lo più estremamente fastidiosi a parlare tutto il tempo, anche durante le corse.

Need For Speed Unbound

Come si gioca Need For Speed Unbound – Gameplay

Ma l’importante in un gioco di corse non è la storia o i dialoghi, ma ciò che avviene sulle strade di Lakeshore City. E lo studio Criterion ha fatto degli sforzi in questo senso. Le gare sono intense e impegnate, con molti effetti visivi frizzanti sullo schermo e la guida meno molle di quanto si possa vedere negli ultimi giochi della saga. Dopo una presa rapida tipica dei giochi di corse arcade, dovrai gestire bene il tuo nitro durante le partite, con un indicatore blu che si riempie durante la gara eseguendo movimenti rischiosi (contromano, salti, derapate, ecc), e un altro indicatore giallo diviso in 3 livelli di potenziamenti provvisori da attivare rapidamente. Il tutto è anche sublimato dall’ultima generazione di console, con Unbound che offre 60fps costanti, 4K e HDR su ogni dispositivo su cui è disponibile.

Dovremo anche fare i conti con il traffico urbano e la polizia! Questo è anche il pericolo principale per vedere la tua corsa rovinata, l’apparizione e i movimenti delle IA al di fuori degli avversari sono imprevedibili. Perché sì, una decina di auto della polizia possono sbarcare nel pieno dell’ azione, e a volte anche ti potranno venire addosso frontalmente o di lato. I concorrenti, d’altra parte, sono piuttosto puliti nei loro sorpassi in difficoltà normale, e tamponano di meno rispetto a Need For Speed Heat. Mentre si può criticare un po’ il sistema di derapate, a volte attivato senza motivo per far perdere tempo in modo frustrante, il gameplay di NFS Unbound è nel complesso soddisfacente per i giochi di corse arcade.

Need For Speed Unbound

Come funziona la progressione: tra Fast & Furious e Monopoli

Nonostante i piccoli aggiustamenti tecnici e le novità grafiche, Need For Speed non si è dimenticato della personalizzazione. Si può sempre praticamente portare a termine l’intera campagna con una sola auto, poiché è possibile migliorarla all’estremo cambiando le sue componenti nel garage. I fan del tuning e della saga non saranno disorientati in questo senso sia nei bonus delle prestazioni che nei cambiamenti puramente cosmetici sull’auto, dalla targa ai vetri, passando per i cerchi o il cofano. E se non hai tempo di cambiare la vernice o aggiungere qualche booster, puoi sempre scaricare le creazioni più belle della community.

Ma questa personalizzazione ha un costo, e soprattutto, richiede molto tempo. Comprare un nuovo bolide, migliorare il proprio garage per acquisire stanze migliori, ottenere elementi di personalizzazione… Tutto questo è molto costoso, e abbastanza frustrante poiché guadagnare soldi è nel peggiore dei casi abbastanza complesso, nel migliore dei casi estremamente lento.


Potrebbe interessarti anche:


Dopo un lungo prologo nella modalità storia in cui perdiamo alla fine di esso la nostra prima auto e i suoi miglioramenti, il titolo funziona sotto forma di un calendario. Ogni giorno nel gioco corrisponde a una sessione con un numero limitato di gare da completare e un numero limitato di prove per queste gare per sessione. In difficoltà normale, se non si è soddisfatti del risultato, si può ricominciare una gara massimo 4 volte per sessione, un numero che si ripristina solo una volta tornati in garage o in un nascondiglio.

Dove abbiamo riscontrato un problema è che anche all’inizio del titolo, la difficoltà è piuttosto mal bilanciata, tra i primi tre concorrenti spesso sono troppo forti per poter vincere senza un’auto migliorata. Aggiungete a questo delle ricompense piuttosto povere per la maggior parte delle gare, alcune delle quali richiedono un costo di iscrizione! 

Poiché il numero di tentativi è limitato, è spesso possibile perdere denaro, soprattutto perché un arresto da parte della polizia (a volte in caccia appena dopo la gara secondo il tuo indicatore di reputazione) ti farà perdere le tue vincite durante la sessione. Fortunatamente, è più facile seminare questi ultimi. Inoltre, nell’altra modalità Lakeshore online cross-platform dove si ha l’open world ma con questa volta un nuovo garage, le gare sono esclusivamente con avversari umani, ma faticano a riempirsi e quindi a lanciarsi. Tutte queste cose sommate fanno sì che ci vorrà la pazienza per acquisire le migliori auto e godere appieno di un convincente Need For Speed Unbound.

Need For Speed Unbound

Considerazioni finali Need For Speed Unbound

Grazie alla nuova generazione di console la saga di NFS riparte nella giusta direzione, grazie in particolare a una tecnica impeccabile per un gioco di corse arcade (motore Frosbite, 60 FPS costante, 4K, HDR…) e un gameplay accessibile per chiunque voglia prestarsi al gioco delle corse clandestine.

Need For Speed Unbound ha preso un rischio nei suoi effetti in cel-shading, e paga poiché aggiunge una vera personalità al titolo senza perdere il cuore della licenza. Lo stesso sforzo si trova nelle possibilità di personalizzazione dei suoi bolidi, siano essi visivi o legati alle prestazioni.

D’altra parte, alcuni saranno frustrati da una progressione molto lenta attraverso le somme di denaro guadagnate nelle gare, amputate da una difficoltà mal bilanciata. Se lo mettiamo da parte con la sceneggiatura insipida della modalità single-player, Unbound riesce dove NFS Heat aveva fallito, cioè dare un po’ di vita e sapore alla scoperta dell’open world chiamato Lakeshore City.

Need for Speed Unbound
Nonostante qualche difetto nella progressione, l’ultimo capitolo di Need for Speed riesce ad essere un ottimo gioco di corse arcade con una sua anima ben delineata che riporta nella giusta direzione la storica saga.
Pro
+ Gameplay veloce e piacevole
+ Effetti visivi (nitro, drift) in cel-shading riusciti
+ Tecnicamente impeccabile
+ Sempre più profondo nella personalizzazione
+ Multiplayer cross-platform…
Contro
– …ma un po’ traballante nell’impostazione
– Progressione terribilmente lenta
– Difficoltà mal bilanciata
– Sceneggiatura e personaggi poco interessanti o fastidiosi
Need For Speed Unbound


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.