EA Sports perde le licenze FIFA: ecco cosa significa per i giocatori

Riccardo Ferrari11 Maggio 2022
FIFA

Le strade di EA e FIFA si separano. Dal 2024 lo storico titolo calcistico FIFA si chiamerà EA Sports FC, scopriamo insieme cosa è successo e cosa cambierà nei prossimi anni.

Per decenni, la parola “FIFA” il più delle volte si riferiva al franchise di videogiochi in contrapposizione all’omonimo organo di governo del calcio. Niente sarà più come prima. FIFA ed EA Sports stanno terminando la loro collaborazione quasi trentennale, con effetto dal 2023.

In breve: il gioco cambierà il suo nome in EA Sports FC (lo so, di certo non è un bellissimo nome) ma non molto altro. Per quanto riguarda il perché: come al solito, è avidità (da entrambe le parti).

Cosa è successo ai videogiochi di FIFA?

FIFA 23 sarà il capitolo finale nell’onnipresente franchigia calcistica di EA Sports, lo ha annunciato martedì il gigante editoriale. L’accordo doveva scadere dopo la Coppa del Mondo maschile 2022, ma è stato prorogato fino alla Coppa del Mondo femminile 2023 la prossima estate. Dopo di che, il capitolo del 2024 si intitolerà “EA Sports FC”, anche se probabilmente ci vorranno anni perché i fan smettano di chiamarla “FIFA”.

FIFA (il gioco) è un’icona culturale. Dalle star degli eSport ai giocatori occasionali, dagli atleti professionisti ai dilettanti, centinaia di milioni di persone hanno giocato al videogioco, circa 150 milioni all’anno. Mia madre non sa davvero cosa rappresenti FIFA come acronimo di un’organizzazione, ma se le dico che ho giocato a FIFA oggi, saprà che stavo parlando di un videogioco.

La serie si è evoluta nell’ultimo decennio. Durante gli anni 2000, l’obiettivo di ogni versione annuale era l’aggiornamento dei roster, la modifica del gameplay e l’aggiunta di nuove maglie. Durante gli anni 2010, quell’attenzione si è spostata su Ultimate Team, una modalità in cui i giocatori acquistano pacchetti (con soldi veri o valuta di gioco) per costruire una squadra di giocatori.

FIFA Ultimate Team ha trasformato il gioco in una vera macchina da soldi. La serie ha fatto guadagnare ad EA Sports più di 20 miliardi di dollari da quando è stata lanciata come “FIFA International Soccer” nel 1993, inclusi 1,2 miliardi di dollari l’anno scorso dalla sola modalità Ultimate Team.

Questo è probabilmente il motivo principale per cui la relazione EA Sports-FIFA sta finendo.

EA Sports FC - fifa

Perché FIFA ha lasciato EA Sports?

Secondo i report, la FIFA voleva che EA Sports raddoppiasse o più il suo canone di licenza annuale per continuare a utilizzare il nome FIFA per il videogioco. A prima vista, questo sembra assurdo; EA pagava già 150 milioni di dollari all’anno, rendendo il colosso del gaming il più grande partner commerciale della FIFA. Ma questo accordo è stato elaborato 10 anni fa e i profitti di EA sono esplosi nel decennio successivo grazie alla popolarità di Ultimate Team.

Ciò che si è rivelato più dannoso nei negoziati, secondo sempre le informazioni che stanno emergendo, è stata l’insistenza della FIFA sul permesso di concedere in licenza il suo nome ad altri prodotti digitali, anche in altri videogiochi. EA Sports non voleva pagare centinaia di milioni di dollari per un canone di licenza non esclusivo, ed è così che siamo finiti all’arrivo di EA Sports FC.

Peter Moore, l’ex capo di EA Sports, in precedenza ha detto al New York Times che che EA probabilmente lo non avrebbe mai permesso.

“Dirò: ‘Aspetta un secondo: abbiamo letteralmente speso centinaia di milioni di dollari per costruire questo e mi stai dicendo che Epic Games può entrare e ottenere una licenza per il nome che abbiamo costruito e che abbiamo messo al centro e che è diventato sinonimo di un videogioco?'” Moore ha riferito.

EA Sports avrà ancora il marchio FIFA?

La domanda più grande che i giocatori FIFA avranno ora è cosa cambierà nel gioco. La risposta è: non molto.

“Il nostro portfolio di licenze unico di oltre 19.000 giocatori, oltre 700 squadre, oltre 100 stadi e 30 campionati in cui abbiamo continuato a investire per decenni sarà ancora lì, unicamente in EA Sports FC”, ha dichiarato Cam Weber, vicepresidente esecutivo di EA Sports in un post sui cambiamenti. “Ciò include partnership esclusive con Premier League, LaLiga, Bundesliga, Serie A, MLS – e altro ancora a venire”.

Allo stato attuale, quando EA Sports FC uscirà nell’autunno del 2023, puoi aspettarti che tutti i tuoi giocatori e club preferiti siano rappresentati (tranne forse i pochi holdout come la Juventus). EA Sports ha lavorato duramente per bloccare gli accordi con campionati e squadre di tutto il mondo (in particolare Europa e Stati Uniti), spesso con accordi esclusivi come ha fatto con la Premier League e la Champions League. Mentre ci saranno ancora club e leghe che percorreranno una strada diversa quando Konami li lancerà contro (Liga BBVA MX ha firmato un accordo esclusivo con eFootball il mese scorso), EA è ben posizionata per continuare a dominare il panorama dei videogiochi di calcio. Aiuta anche che eFootball fosse appena giocabile al momento del lancio e deve ancora conquistare i fan.

Ciò che potrebbe mancare a EA Sports FC è il marchio per tornei FIFA come la Coppa del Mondo maschile e femminile. EA ha detto che sperava di poter ancora trovare un accordo per quegli eventi, e siamo sicuri che la FIFA probabilmente vorrà tutte le entrate che può ottenere dopo aver perso una partnership così massiccia. Indipendentemente da ciò, i fan possono aspettarsi che FIFA 23 includa la Coppa del Mondo maschile 2022 e la Coppa del Mondo femminile 2023.

la schermata di FIFA 22, forse Fifa 23 cambierà nome

Cosa Significa Tutto Questo?

Per EA Sports, perdere il titolo FIFA è un duro colpo per il branding. Mentre la maggior parte dei fan della serie continuerà a comprare EA Sports FC anche con il suo terribile nome, i casual gamer potrebbero non sapere che il titolo è lo stesso FIFA sotto una nuova veste. Questo potrebbe dare ai concorrenti – dall’eFootball di Konami ai prossimi rivali meno noti come UFL e GOALS – un’apertura per tagliare l’egemonia calcistica di EA.

Detto questo, EA Sports ha un marchio e una tradizione così affermati di creare giochi divertenti che il franchise probabilmente andrà bene dopo alcuni anni di transizione. Nonostante i tentativi di emulare il suo successo, EA ha sempre combattuto gli sfidanti, anche durante gli anni in cui il PES di Konami per la maggior parte delle persone aveva un gameplay superiore. Gli appassionati di calcio amano giocare come i loro giocatori preferiti e perdere il nome “FIFA” non cambierà il loro enorme vantaggio negli accordi di licenza.

Inoltre, le licenze del videogame FIFA spesso limitavano potenziali relazioni con marchi che andavano contro i partner commerciali esistenti della FIFA. Non è un caso delle sei “citazioni dei partner” incluse nell’annuncio di EA Sports, cinque provenivano da campionati/confederazioni e una da Nike.

“Siamo entusiasti di continuare ed espandere la nostra lunga partnership con EA SPORTS mentre serviamo gli atleti tra sport, videogiochi e cultura”, ha dichiarato DJ van Hameren, EVP e CMO di Nike. “La nostra partnership con EA SPORTS FC farà crescere autenticamente i modi in cui le nostre comunità possono giocare e impegnarsi con lo sport”.

Per quanto riguarda la FIFA, le cose sono un po’ tristi.

Per anni, l’organizzazione e i suoi leader hanno fatto soldi essendo un gruppo di corrotti che ha preso spesso tangenti. Ora che il governo degli Stati Uniti e altre autorità stanno fermando quel flusso di entrate, la FIFA ha lottato per colmare le lacune.

La Coppa del Mondo rimane uno degli eventi più redditizi al mondo, ma da quando Gianni Infantino è diventato presidente nel 2016, la FIFA ha perso tre capi del suo dipartimento commerciale. La FIFA ha lanciato l’idea di giocare alla Coppa del Mondo ogni due anni per fare più soldi, ma l’idea era così odiata che l’organizzazione ora finge che non è nemmeno esistita.

Mentre la FIFA tenta di saltare ulteriormente nel mondo digitale – ha lanciato FIFA+ come servizio di streaming gratuito il mese scorso – non ha più una partecipazione permanente nel mondo dei videogiochi. Mentre ora è libero di perseguire relazioni con altre entità digitali come Roblox, Fortnite o Rocket League, non avrà più l’ubiquità che aveva con il franchise EA Sports.

Martedì la FIFA ha rilasciato una dichiarazione celebrando questo modello di licenza “non esclusivo”, dicendo che inizierà a impegnarsi con editori, studi e investitori per creare una nuova partita di calcio per competere con EA Sports FC. Sta anche concedendo in licenza FIFA per i giochi non simulativi. Infantino si è vantato che quando un nuovo gioco uscirà con il nome FIFA, sarà il migliore al mondo, il che è un’affermazione ridicolmente ambiziosa.

“Posso assicurarvi che l’unico gioco autentico e reale che ha il nome FIFA sarà il migliore disponibile per i giocatori e gli appassionati di calcio”, ha detto Infantino. “Il nome FIFA è l’unico titolo globale e originale. FIFA 23, FIFA 24, FIFA 25 e FIFA 26, e così via: la costante è il nome FIFA, e rimarrà per sempre e rimarrà il migliore.

“Il settore del gioco interattivo e degli eSport è su un percorso di crescita e diversificazione senza pari. La strategia della FIFA è garantire che possiamo sfruttare al massimo tutte le opzioni future e garantire una vasta gamma di prodotti e opportunità per giocatori, fan, associazioni associate e partner”.

Certo.

Cosa riserva il futuro di FIFA ed EA Sports FC?

Come accennato, FIFA 23 uscirà a settembre. La prima edizione di EA Sports FC uscirà nel 2024, con EA che promette maggiori dettagli nell’estate del 2023.

Weber, il dirigente di EA Sports, ha parlato di come questo cambio di nome consentirà agli sviluppatori di creare un videogioco ancora migliore, ma siamo onesti che probabilmente continueranno a spingere fuori aggiornamenti annuali minori con poche revisioni importanti perché questa è la cosa più redditizia da fare.


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie per aver completato la registrazione alla newsletter di Mister Gadget.